Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:30 METEO:FIRENZE16°21°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
domenica 23 giugno 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Il pezzo di un razzo spaziale cinese si schianta sulla città: gente terrorizzata in fuga
Il pezzo di un razzo spaziale cinese si schianta sulla città: gente terrorizzata in fuga

Attualità sabato 02 marzo 2024 ore 19:20

"No bombe e manganelli", studenti nelle piazze toscane - VIDEO

Il corteo a Pisa
La manifestazione a Pisa

A migliaia hanno manifestato a Pisa, Firenze, Empoli e Stazzema per la pace in Palestina dopo le cariche di polizia. Sette agenti autoidentificati



PISA / FIRENZE — "In piazza contro bombe e manganelli": è uno degli slogan con cui, dopo le cariche di polizia sugli studenti in corteo pro Palestina il 23 Febbraio scorso a Pisa e a Firenze, le piazze delle due città toscane e anche quelle di Empoli e Stazzema in Versilia sono tornate a riempirsi a fianco del popolo palestinese ma anche contro le violenze in cui quel giorno diversi ragazzi, in larga misura minorenni, rimasero feriti.

In relazione a quegli episodi, a Pisa 7 poliziotti si sarebbero autoidentificati informando la procura che indaga sulla vicenda di esser stati in servizio al momento e nel luogo degli scontri.

E proprio a Pisa è partito intorno alle 15 il primo dei tre cortei previsti. Sotto una pioggia battente circa 5.000 manifestanti si sono mossi da piazza Vittorio Emanuele per raggiungere la prefettura passando per Corso Italia e per il lungarno, e quindi tornare indietro fino a piazza dei Cavalieri teatro degli scontri di venerdì 23 Febbraio.

"In piazza contro bombe e manganelli", recitava uno degli slogan sugli striscioni in marcia nel centro storico di Pisa. "Pisa non ha paura. Stop genocidio", era scritto su un altro. Ad aprire il serpentone un gruppo di ragazzi minorenni, mentre a bordo di un furgoncino i giovani presenti alle cariche di polizia si alternano per portare la loro testimonianza.

Uno degli striscioni al corteo di Pisa

Uno degli striscioni al corteo di Pisa

A Firenze, in attesa della manifestazione, il consolato degli Stati Uniti d'America, sui lungarni era stato cinturato con delle transenne, sbarrando ogni via d'accesso all'area. 

Lì l'inizio dell'iniziativa - promossa da Cobas e comunità palestinese - era fissato per le 18. Sul lungarno Vespucci un migliaio di manifestanti ha scandito slogan contro Israele e contro gli Usa, al grido di "Palestina libera". Poi il corteo ha lasciato l'area antistante al consolato statunitense per dirigersi di là d'Arno, in piazza Santo Spirito dove è prevista la conclusione della manifestazione.

La manifestazione a Firenze

La manifestazione a Firenze (Antonella Bundu / Facebook)

A Empoli in alcune centinaia hanno sfidato la pioggia nella manifestazione pro Palestina organizzata dal collettivo studentesco Sav dell'istituto Virgilio. Accanto agli studenti hanno sfilato sigle anarchiche, associazioni pacifiste, rappresentanti dell'Anpi e di un centro sociale, ultras della squadra locale, esponenti politici dei diversi schieramenti.

Il corteo è stato seguito dalle forze dell'ordine, polizia e carabinieri, ed ha raggiunto piazza Farinata degli Uberti senza disordini.

La manifestazione ad Empoli

La manifestazione ad Empoli (Comunitàinresistenza Empoli / Facebook)

Per chiedere pace e solidarizzare con gli studenti manganellati a Pisa si è svolta stamani a Stazzema un'altra manifestazione a microfono libero, in cui c'è stato anche l'intervento di uno studente. Presenti il sindaco di Stazzema Maurizio Verona e i primi cittadini di Camaiore Marcello Pierucci e Massarosa Simona Barsotti che avevano promosso la manifestazione e varie associazioni fra cui l'Associazione Martiri di Sant'Anna.

La manifestazione a Sant'Anna di Stazzema

La manifestazione a Sant'Anna di Stazzema

Notizia in aggiornamento


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno