Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:03 METEO:FIRENZE16°25°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
giovedì 06 ottobre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Iran, la deputata svedese si taglia una ciocca di capelli al Parlamento Ue

Lavoro martedì 17 marzo 2020 ore 08:56

Calzaturificio inizia a fare mascherine e le dona

Mascherine in tessuto-non tessuto per la Protezione civilem il regalo del calzaturificio Everyn. L'assessore Martinelli: "Un bellissimo esempio"



MONTOPOLI IN VAL D'ARNO — Il calzaturificio Everyn, con sede nella zona industriale di Capanne, produrrà mascherine in tessuto-non tessuto da mettere a disposizione dell’amministrazione comunale, per gli operatori del servizio di Protezione Civile e per coloro che sono impegnati in prima linea per contrastare la diffusione del Coronavirus

Un gesto esemplare, soprattutto in un momento come questo dove, purtroppo, i dispositivi di protezione individuale sono di difficile reperimento. "Si tratta di una necessità che accomuna tutti, amministrazioni pubbliche ed imprese – ha commentato l’assessore alle Attività produttive, Valerio Martinelli –. Everyn, con questo regalo, dà a tutti un bellissimo segnale ed un esempio da seguire, non solo per il nostro Comune, ma anche per il Comprensorio del cuoio. Grazie!".

Le mascherine saranno prodotte direttamente dal calzaturificio montopolese. "La nostra azienda aveva già preso tutte le precauzioni del caso ancor prima che venissero imposte – spiega Massimo Pelagotti, titolare di Everyn – non riuscendo però a trovare delle mascherine, abbiamo deciso di produrle utilizzando il tessuto-non tessuto e la carta da forno". La produzione, però, non sarà messa in vendita: "Regaleremo le mascherine che riusciamo a produrre, è il minimo che possiamo fare per la nostra comunità – dice Pelagotti – già da domani saranno pronti un centinaio di pezzi".

"Ad Everyn, a Massimo Pelagotti e a tutti i lavoratori e le lavoratrici del calzaturificio va tutta la nostra gratitudine per questo gesto non dovuto – ha detto il sindaco Giovanni Capecchi – una dimostrazione concreta di unità e solidarietà in un momento complicato per tutti, tanto sul nostro territorio quanto a livello nazionale".

Un regalo che lo stesso assessore Martinelli si augura possa aprire ad un cammino virtuoso e ad una riflessione: "Faccio un appello alle amministrazioni e alle imprese del Comprensorio del cuoio: facciamo un censimento delle attività in grado di produrre in sicurezza questi dispositivi, sia gel che mascherine sicuramente ci sono altre realtà che possono farlo. Ciò ci permetterebbe di disporre di una fonte sul territorio dalla quale poter attingere, utile innanzitutto per gli operatori della Protezione Civile, ma anche per gli agenti della Polizia Municipale e per le forze dell’ordine che fanno i controlli, per i lavoratori, per le attività, per le famiglie e per tutta la comunità".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La giovane soccorsa dal personale sanitario del 118 è stata trasferita con l'elicottero Pegaso all'ospedale delle Scotte di Siena, in codice rosso
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Cronaca