Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:40 METEO:FIRENZE16°19°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
giovedì 29 settembre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Samantha Cristoforetti è la prima comandante della Iss: «Grazie all'Italia se sono qui»

Attualità domenica 25 giugno 2017 ore 15:30

La sindaca alla preghiera finale del Ramadan

La sindaca Barnini e l'Imam Aziz, dietro don Guido Engels
Foto di: ufficio stampa Comune di Empoli

Barnini ha partecipato insieme a don Guido Engels: "La nostra convivenza deve essere la normalità. Insieme per far emergere ciò che ci unisce"



EMPOLI — La sindaca di Empoli Brenda Barnini ha portato un saluto alla comunità musulmana empolese riunita al centro ‘La Vela – Margherita Hack’ per la preghiera finale del Ramadan: "La nostra convivenza deve essere la normalità. Dobbiamo continuare a lavorare insieme con l’obiettivo di far emergere ciò che ci unisce". 

Da una settimana l'associazione culturale islamica di Empoli ha organizzato in quel luogo, messo a disposizione dall’amministrazione comunale, le preghiere serali del Ramadan, dopo il tramonto, questa mattina, domenica 25 giugno, il sindaco e il Proposto di Empoli don Guido Engels, hanno partecipato alla preghiera finale insieme al presidente del consiglio comunale Roberto Bagnoli, all’assessore Antonio Ponzo Pellegrini e ai consiglieri Dusca Bartoli, Beatrice Cioni e Alessandro Borgherini.

Un incontro all’insegna dell’amicizia e dei sentimenti di rispetto e fratellanza, conclusosi con una semplice colazione insieme a tutti i presenti: intere famiglie che da anni si sono integrate nella zona empolese, ma anche giovani migranti arrivati da qualche mese.

L’Imam Aziz ha chiuso la preghiera e poi dato la parola al sindaco e al Proposto.

La comunità islamica ha ringraziato la Città di Empoli per l’ospitalità: "L’astinenza dal cibo e dal bere – hanno detto i rappresentanti dell'associazione islamica – è uno degli aspetti del Ramadam, ma il significato spirituale è predominante su quello materiale. L’attenzione del fedele alla pratica religiosa, alla lettura del Corano, alla meditazione, alla carità, alla solidarietà e all’aiuto dei più bisognosi è l’obbiettivo ed il fine nobile di questo mese. Aver contribuito mettendo a disposizione un ambiente capace di soddisfare l’esigenze di serenità e concentrazione necessarie nel momento dell’ultima preghiera giornaliera nella fase finale del Ramadam, è stata accolta da tutta la comunità Mussulmana di Empoli come un gesto di fratellanza e vicinanza".

"A nome di tutta la comunità islamica di Empoli - hanno aggiunto - un ringraziamento particolare va al Comune nella persona del sindaco Brenda Barnini per la concessione degli spazi della Vela di Avene e a Don Guido Engels per lo spirito di collaborazione e per l’impegno nella comune costruzione di un percorso fondato sulla convivenza pacifica".

"La nostra presenza qua – ha proseguito Brenda Barnini – è un segnale di completa adesione a una idea di convivenza che deve essere per noi la normalità. E purtroppo non lo è. La presenza di un sindaco qui da voi non deve far notizia. Quando si vive all’interno di una comunità fatta da tantissimi modi diversi di pensare e di pregare a emergere non devono essere le differenze, ma ciò che ci unisce. Solo se ci rispettiamo e conosciamo, nelle differenze, possiamo pensare a una convivenza pacifica e serena. E questo vale per tutte le religioni e le ideologie. Siamo felici di aver contribuito a trovare questo bello spazio che potesse ospitare uomini, donne e bambini in modo accogliente. Per voi questo mese è un periodo di riflessione e preghiera, sono sicura che se sarete riusciti a farlo in modo più tranquillo, a beneficiarne sarà tutta la Città di Empoli. Con questa iniziativa abbiamo aperto uno strada, si tratta di un inizio. Speriamo di poter crescere e trovare sempre più spazi adeguati".

Anche Don Guido Engels ha portato il saluto della comunità cattolica: "Sempre quando ci siamo incontrati, anche sul sagrato della Collegiata, ho trovato in voi sentimenti di accoglienza e di vicinanza. Quello che ci unisce davvero è il desiderio di vivere in pace, è questo ciò che vogliamo tutti. La pace sia con voi".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Le ragazza ha 16 anni ed è grave. I mezzi coinvolti sono l'utilitaria a su cui viaggiavano le due donne e un furgone van con 5 persone a bordo
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Alessandro Canestrelli

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Cronaca

Attualità

Attualità