Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:30 METEO:FIRENZE15°31°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
giovedì 19 maggio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Zaccagni affitta l'Olimpico e con un rigore svela il sesso del figlio

Lavoro lunedì 26 aprile 2021 ore 18:45

Matrimoni ed eventi, flashmob in lutto per i lavoratori invisibili

Chiedono una data certa per riprendere a lavorare e ristori adeguati le migliaia di operatori di questo settore bloccato da 14 mesi dalla pandemia



FIRENZE — Vestiti di nero con una rosa bianca in mano, i lavoratori del settore matrimoni ed eventi hanno manifestato a Firenze e in altre 12 città italiane per chiedere al governo Draghi una ripartenza immediata della loro attività e ristori adeguati. 

Il settore conta 50mila aziende e partita Iva e oltre mezzo milione di lavoratori che l’epidemia di Covid ha bloccato da 14 mesi riducendo del 90% un giro di affari da 60 miliardi di euro all’anno. 

Nel nuovo decreto appena entrato in vigore non è stata indicata una data per la ripresa delle feste di nozze e degli altri eventi privati e anche la stagione estiva 2021 rischia la cancellazione se non arriveranno dal governo, rapidamente, indicazioni precise: un matrimonio richiede una programmazione e un'organizzazione che non si possono improvvisare in pochi giorni.

Aziende, partite Iva e dipendenti hanno proposto al governo un protocollo di sicurezza avallato dall’epidemiologo Pierluigi Lopalco. "Nonostante le garanzie a tutela della salute pubblica contenute nel protocollo - si legge in una nota di Federmep, Assoeventi e Feu - il governo ha inspiegabilmente deciso di non indicare alcuna data per la ripresa della nostra attività. Una scelta irragionevole che avrà conseguenze pesantissime sul settore: il 2021 rischia di diventare persino peggiore del 220. La prima metà di quest'anno è già persa, senza certezze rischiamo di perdere anche buona parte degli eventi di Luglio. Tradotto in numeri: un calo del fatturato di circa il 40% sul già devastante 2020 e una perdita sul 2019 di circa il 95%".

"Quel che chiediamo è tornare a lavorare, realizzare i sogni dei nostri sposi e degli altri clienti - conclude la nota - Alla luce dell'ultimo decreto siamo i più colpiti dalle restrizioni e pretendiamo risarcimenti adeguati, non le briciole arrivate finora. Gli emendamenti al decreto Sostetni sono un timido passo: quello definitivo è contenuto nella class action (causa legale collettiva) che stiamo predisponendo".



Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
L’incidente in un centro sportivo. La giovane è stata soccorsa dal personale sanitario del 118 e trasferita d'urgenza alle Scotte con l'elisoccorso
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Cronaca