Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 16:05 METEO:FIRENZE14°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
domenica 27 novembre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Conte sulla tragedia di Ischia: «Nel 2018 nessun condono, sbloccato stallo senza deroghe a vincoli»

Attualità mercoledì 01 febbraio 2017 ore 16:47

​Crisi Aferpi, ultimatum di Calenda a Rebrab

Lettera del ministro dello sviluppo economico all'imprenditore algerino. Intanto i sindacati hanno annunciato lo sciopero



PIOMBINO — Dopo tanti incontri, è l'ora che qualcosa si muova. Questo il senso delle parole del ministro dello sviluppo economico Carlo Calenda, che alla vicenda Aferpi ha riservato alcune battute a margine della sua visita a Firenze alla Ge Oil & Gas. "Francamente - ha detto Calenda - di incontri ne abbiamo fatti tanti, adesso vorrei vedere gli investimenti". Poi ha aggiunto: "Noi ci siamo visti con il governatore Rossi e con i sindacati dieci giorni fa. Vedrò la prossima settimana Rebrab, a cui ho scritto una lettera in termini un po'' formali".

Nel frattempo i sindacati suonano i tamburi di guerra con l'annuncio, da parte di Fim, Fiom, Uilm e Ugl dello sciopero che si terrà domani. Lo sciopero, già ventilato in occasione del tavolo romano di fine gennaio, sarà accompagnato da una manifestazione che partirà alle 9.30 dal cavalcavia dello stabilimento della ex Lucchini di Piombino, in largo Caduti sul lavoro, con la presenza delle segreterie nazionali. In corso Vittorio Emanuele II ci sarà poi un comizio, proprio davanti al palazzo comunale.

“A seguito della mancata realizzazione, a oggi, del piano industriale Cevital, vogliamo denunciare che lo stabilimento si sta gradualmente spegnendo - hanno detto i sindacati - manifestiamo in difesa del Progetto Piombino che deve essere salvaguardato a prescindere così come configurato nell’accordo di programma del 2014, verso il quale i firmatari sono tenuti a rispettare tutti gli impegni presi. Sara’ solo l’inizio della mobilitazione che continuerà finché Piombino non avrà certezza del proprio futuro. Partecipiamo numerosi a salvaguardia dell’economia del nostro comprensorio che non può fare a meno dell’industria”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Sono stati soccorsi dal personale sanitario del 118, i medici hanno dovuto constatare il decesso della donna e successivamente quello dell'uomo
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Alfredo De Girolamo e Enrico Catassi

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità