Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:58 METEO:FIRENZE8°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
martedì 07 febbraio 2023
Tutti i titoli:
corriere tv
Il crollo degli edifici ore dopo il sisma in Turchia: i video ripresi con gli smartphone

Monitor Consiglio martedì 06 dicembre 2022 ore 19:37 Spazio a cura dei gruppi politici del Consiglio regionale della Toscana

Cultura, il 60% dei toscani vuole maggiori investimenti da parte della Regione

Vincenzo Ceccarelli e Cristina Giachi
Vincenzo Ceccarelli e Cristina Giachi

Lo rivela un sondaggio SWG: "Cittadini consapevoli delle opportunità di sviluppo che il settore può generare. Ulteriori misure a sostegno"



FIRENZE — Questa mattina nel Media Center “David Sassoli”, a Palazzo del Pegaso, è stato presentato il sondaggio SWG commissionato dal Gruppo consiliare del Partito Democratico. Sono intervenuti: Vincenzo Ceccarelli, capogruppo Pd in Regione; Cristina Giachi, presidente commissione Istruzione, formazione beni e attività culturali; Maurizio Pessato, vicepresidente SWG; Tommaso Sacchi, assessore alla Cultura del Comune di Milano; Arturo Galansino, Direttore Generale della Fondazione Palazzo Strozzi di Firenze.

Quanto conta la cultura per i toscani? Conta molto: sia in termini di crescita personale che di ricadute per lo sviluppo economico e sociale. Il Gruppo consiliare del Partito Democratico ha voluto verificare le posizioni dei cittadini attraverso una ricerca che analizza gli elementi che compongono l’immagine e la sostanza della cultura, con l’obiettivo di contribuire ad arricchire il percorso degli Stati Generali della Cultura. Fai contare la cultura. Toscana creativa 2030, promosso da Giunta e Consiglio regionale. Lo studio SWG è stato condotta su un campione che va dai diciottenni agli over 54 e dipinge un quadro dell’opinione pubblica toscana relativamente a quattro macro aspetti: la concezione della cultura, la pratica delle attività culturali, la valutazione delle esperienze, l’azione della Regione Toscana.

"Con questo sondaggio abbiamo cercato di comprendere, partendo dal basso, percezioni, indicazioni, criticità dei cittadini nei confronti della cultura. Stabilire strategie e fare scelte partendo dalla conoscenza di analisi come questa è una pratica di buona politica -  è quanto dichiara Vincenzo Ceccarelli, capogruppo Pd in Consiglio regionale - Da questa indagine emerge che in Toscana la cultura non è soltanto un’eredità del passato ma anche un elemento ritenuto molto utile non soltanto per la crescita personale: per i toscani investire in cultura significa supportare lo sviluppo dei territori e la crescita delle comunità. Ad esempio, negli anni, nell’ambito della cultura contemporanea, sono nate tante imprese e tante realtà che coinvolgono giovani dando spazio a nuove competenze. Quasi la totalità dei toscani ritiene la cultura un elemento importante della propria vita; due terzi rivela che è giusto investire in cultura per generare crescita e occupazione in diversi settori. Sono dati che rafforzano la nostra azione che come gruppo consiliare intendiamo portare avanti a sostegno del settore".

"I toscani considerano la cultura un elemento di crescita e di edificazione personale, ma sono anche ben consapevoli dei benefici, in termini economici, che gli investimenti nel settore possono generare - sottolinea Cristina Giachi, presidente della commissione Istruzione, formazione beni e attività culturali - Questo è un dato significativo per il lavoro dei decisori politici che possono contare sull’alleanza con la consapevolezza dei cittadini. Un risultato in grado di farci capire quanto sia apprezzata l’azione della Regione Toscana, quanto siano attese misure a sostegno del comparto e quanto sia importante il percorso di ridefinizione delle politiche del settore che abbiamo intrapreso con gli Stati Generali della Cultura. L’esito di questo sondaggio non è scontato: viene riconosciuto il valore strategico delle risorse destinate al settore, dal punto di vista delle energie, della qualità dell’occupazione, dell’innovazione delle imprese. Il welfare culturale è un modello di sviluppo che integra la promozione delle attività culturali al benessere delle comunità su cui ormai tante organizzazioni toscane fanno riferimento e a cui i cittadini guardano con grande interesse. Un sistema di crescita virtuoso su cui basare le politiche culturali del futuro".

Dal focus emerge la propensione a ritenere che la cultura possa essere molto vantaggiosa per la maturazione delle persone e per i suoi riflessi sulla società. L’82% dell’opinione pubblica ritiene che la sua presenza sia largamente diffusa Toscana; il 68% a livello nazionale. La convinzione che la cultura sia parte integrante della qualità della vita è molto ampia, pari al 93%; con la vasta consapevolezza che sia fonte di convivenza, accettazione e partecipazione. Sul fronte della spesa pubblica, l’84% degli intervistati ritiene che le attività e le spese culturali portino a un bilancio positivo e il 92 % - pari a nove toscani su dieci - che la cultura dovrebbe influire nella definizione degli interventi e delle prestazioni dello Stato sociale. Il 61% della popolazione si dichiara a favore di maggiori investimenti da parte della Regione Toscana nel settore. I cittadini non ritengono la cultura un orpello ma una presenza che può avere riflessi positivi per tutti i settori: dal turismo, alle imprese, all’occupazione, al PIL. Oltre la metà dei toscani, il 57%, trova valido il lavoro sul portato avanti dalla Regione Toscana, tanto che il 38% sostiene che dovrebbe esserci una maggiore presenza dell’ente, pur con l’attenzione alle scelte; il 33% chiede di favorire il lavoro delle istituzioni territoriali e il 15% di supportare l’impegno della società civile.

La cultura appare un momento rilevante per la persona e per i suoi riflessi sulla società. L’89% ritiene che in Toscana la cultura svolga un ruolo importante, un po’ meno – pari all’83% - nel resto del Paese. Viene, anche, segnalato che andrebbero promosse, in questo campo, delle innovazioni. Ad esempio l’87% degli intervistati ritiene che sarebbe necessaria una maggiore valorizzazione della cultura all’interno dei percorsi scolastici.

Affrontare il tema della cultura è misurarsi con un concetto ampio, con molteplici decodificazioni e implicazioni, sia per le persone che per le istituzioni. Nell’insieme i cittadini mostrano una grande attenzione per questo settore e richiedono che le attività e le iniziative culturali siano largamente presenti nella società toscana.

A questo link è possibile scaricare le interviste video della conferenza stampa di questa mattina https://we.tl/t-tZhbgS2eBO


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Ti potrebbe interessare anche:

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Originaria di Milano, in Toscana aveva svolto gran parte della sua carriera. Giallo sulla sua morte, gli investigatori non escludono alcuna ipotesi
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Toscani in TV

Cronaca

Attualità