Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 09:15 METEO:FIRENZE16°28°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
sabato 15 giugno 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
La video intervista a Vittorino Andreoli: «Anche gli adolescenti ricorrono agli stimolanti sessuali, hanno paura di non farcela»

Monitor Consiglio lunedì 15 aprile 2024 ore 18:24 Spazio a cura dei gruppi politici del Consiglio regionale della Toscana

Disforia di genere, polemiche pretestuose e senza fondamento

Enrico Sostegni
Enrico Sostegni

"Dalle carte emerge azione positiva del centro dell'ospedale di Careggi"



FIRENZE — Il consigliere regionale Pd e presidente della commissione sanità Enrico Sostegni interviene a seguito dell’audizione di questa mattina del direttore generale dell’Azienda Ospedaliera di Careggi, Daniela Matarrese, dell’Assessore alla Salute, Simone Bezzini e del direttore sanità welfare e coesione sociale della Regione Toscana, Federico Gelli.

"Con le audizioni di questa mattina in Commissione sanità abbiamo affrontato i passaggi principali della relazione ministeriale sul tema del centro per la disforia di genere di Careggi - spiega Sostegni - Lo abbiamo fatto mantenendo un atteggiamento neutro e imparziale per approfondire gli aspetti che funzionano e quelli da migliorare. La disforia di genere non è una malattia. È una condizione che porta tanta sofferenza, basti considerare all’alto tasso di tentativi di suicidio tra le persone interessate, pari al 40 per cento". 

"Le opposizioni in Consiglio regionale insieme ad esponenti di livello nazionale della destra al Governo del Paese, in queste settimane, hanno messo in scena un vero e proprio tentativo di delegittimare questa struttura che invece si conferma un presidio di grande importanza nel panorama nazionale - prosegue Sostegni - A risposta di tutto ciò la relazione ministeriale ci permette di dire che non è emerso nessun rilievo sull’utilizzo deli farmaci, sempre somministrati in maniera corretta dal personale sanitario. La relazione del Ministero della salute ha evidenziato, infatti, solo azioni di miglioramento nell’organizzazione del centro per la disforia di Careggi e nessuna violazione di regole o utilizzo sconsiderato della triptorelina, arrivando a richiedere il potenziamento e non la chiusura come aveva reclamato la destra". 

"Il rilievo emerso è quello dell’assunzione di un neuropsichiatra proprio all’interno dell’Azienda Ospedaliera di Careggi: una richiesta su cui l’Azienda ospedaliera andrà avanti - garantisce il consigliere regionale dem - È bene comunque ricordare che tutte le persone prese in carico dal Centro di Careggi hanno ricevuto assistenza neuropsichiatrica a livello territoriale. Ogni polemica che persiste continua ad essere pretestuosa, fuorviante e, carte alla mano, priva di ogni fondamento" conclude Sostegni.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Ti potrebbe interessare anche:

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno