Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 15:47 METEO:FIRENZE14°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
domenica 27 novembre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Le immagini dal drone della frana di Ischia

Cronaca giovedì 12 gennaio 2017 ore 13:17

Il grido dei migranti dopo il rogo nel capannone

Una cinquantina di persone che vivevano nel capannone bruciato all'Osmannoro in marcia davanti alla Prefettura al grido di 'Vergogna' e 'Basta morti'



FIRENZE — I migranti sono arrivati in tarda mattinata e hanno dato vita a una manifestazione di protesta chiedendo condizioni di vita più dignitose. La goccia che ha fatto traboccare il vaso è stato l'incendio che la notte scorsa ha devastato il capannone che un tempo ospitava il mobilificio Aiazzone a Sesto Fiorentino. Alì Mousa, somalo di 44 anni, è stato estratto ormai esanime ed è morto poco dopo.

I manifestanti hanno gridato ''vergogna, vergogna'' e hanno esposto alcuni striscioni, tra cui quello con la scritta ''vogliamo una casa e una vita dignitosa''. In un altro striscione si attribuisce allo Stato la colpa della morte del migrante che non è sopravvissuto al rogo. 

Alcuni si sono anche distesi a terra per bloccare il traffico.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

servizio di Serena Margheri
Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Sono stati soccorsi dal personale sanitario del 118, i medici hanno dovuto constatare il decesso della donna e successivamente quello dell'uomo
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Alfredo De Girolamo e Enrico Catassi

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Sport