Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 13:30 METEO:FIRENZE10°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
martedì 30 novembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
I gessi rossi nel mezzo al Parco di Montioni in Toscana: lo scempio dell'ex cava diventata discarica (con materiali cancerogeni)

Cronaca giovedì 01 giugno 2017 ore 21:00

L'inchiesta-lampo che ha incastrato il sindaco

Oreste Giurlani

Sono bastati 15 giorni alla procura per controllare i bilanci dell'Uncem e arrestare Giurlani. Fra gli acquisti contestati anche due cappotti da donna



FIRENZE — La procura fiorentina aveva chiesto la custodia in carcere per il sindaco di Pescia Oreste Giurlani, esponente del Pd e vicepresidente di Anci Toscana con delega alla montagna. Ma il giudice per le indagini preliminari ha optato per gli arresti domiciliari, sufficienti a suo avviso ad evitare l'inquinamento delle prove, peraltro già in atto secondo gli inquirenti, nonchè la reiterazione del reato in veste di primo cittadino.

Giurlani è accusato in primo luogo di peculato per essersi appropriato di 578mila euro dell'Uncem, l'Unione dei comuni montani toscani che ha presieduto per dodici anni. Il secondo capo di imputazione è corruzione, per altre vicende scoperte dagli investigatori strada facendo (vedi qui sotto gli articoli collegati).

L'inchiesta è stata comunque rapidissima: nel giro di un paio di settimane la Guardia di Finanza, coordinata dal sostituto procuratore Tommaso Coletta, ha trovato all'interno dei bilanci dell'Uncem i riscontri necessari per accusare Giurlani e chiederne l'arresto.

Fra le spese emerse dalla contabilità dell'Uncem e contestate dai finanzieri c'è un po' di tutto: rimborsi benzina gonfiati fino a 15mila euro al mese, numerosi telefoni cellulari e iPad, materiale sportivo, addirittura due cappotti da donna del valore di 680 euro. 

Secondo le Fiamme gialle Giurlani, grazie al suo ruolo di presidente dell'Uncem, avrebbe disposto pagamenti a suo favore per duecentomila euro senza alcun giustificativo di spesa, per 233mila euro presentando moduli di rendiconto in cui aveva riportato cifre enormi autocertificandole, per altri 140mila euro per consulenze affidate a se stesso. 

Il tutto nonostante che i bilanci dell'Uncem fossero drammaticamente in rosso: il 2016 è stato chiuso con un deficit di 2 milioni e 400mila euro. "Eppure abbiamo rilevato che, dal 2009 al 2014, solo dalla Regione Toscana, Uncem ha ricevuto finanziamenti per almeno undici milil consigliere regionale di Fratelli d'Italiaioni di euro" ha sottolineato Giovanni Donzelli, il consigliere regionale di Fratelli d'Italia che, con un suo esposto, ha dato il via all'inchiesta.

Nel filone di indagini in cui Giurlani è accusato di corruzione ci potrebbero essere altre persone iscritte nel registro degli indagati.

Oggi l'Uncem Toscana è in liquidazione.

SERVIZIO - ARRESTATO IL SINDACO DI PESCIA ORESTE GIURLANI PER PECULATO E CORRUZIONE
Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Un'automobilista è finito fuori strada ed è rimasto incastrato nelle lamiere sospeso nel vuoto sopra un fiume. Sul posto i vigili del fuoco
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Gianni Micheli

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Attualità

Attualità