Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:15 METEO:FIRENZE22°36°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
giovedì 07 luglio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Rocco Morabito, chi è l'ambasciatore «nobile» della ‘ndrangheta

Attualità martedì 10 maggio 2022 ore 18:29

​La Pace di Kiev del Canova a Palazzo Vecchio

La statua in marmo è nascosta, protetta dai bombardamenti. Una icona della storia russa, nel 1831 è a San Pietroburgo, poi a Mosca ed infine a Kiev



FIRENZE — La Toscana ha accolto La Pace di Antonio Canova, la versione in gesso del celebre marmo custodito all’interno del Museo Nazionale Khanenko di Kiev e attualmente nascosto per tutelarlo dai bombardamenti della guerra scoppiata in Ucraina il 24 Febbraio scorso dopo l'invasione da parte delle truppe russe.

La mostra curata da Vittorio Sgarbi, realizzata grazie alla collaborazione tra il Museo Novecento e il Museo Gypsotheca Antonio Canova di Possagno che ospita il gesso, organizzata da Mus.E con Contemplazioni vede la scultura installata al centro della Sala di Leone X.

A pochi giorni dal debutto di Quarto Stato di Pellizza da Volpedo nel Salone dei Cinquecento, anche il modello in gesso della scultura trova ospitalità nel cuore di Palazzo Vecchio e fino al 18 Settembre diventa un mezzo per assicurare la contemplazione del capolavoro dello scultore, altrimenti negata dal conflitto.

Commissionata dal politico e diplomatico russo Nikolaj Petrovič Rumjancev, ideata da Canova nel 1812 e realizzata nel 1815, la scultura viene pensata come omaggio alla famiglia Rumjancev, fautrice di alcuni trattati di pace tra Russia e altri Paesi. 

Canova viene incaricato di realizzarla all’alba dell’invasione napoleonica della Russia. Alla morte di Nikolaj Petrovič Rumjancev, la sua collezione viene donata allo Stato e va a costituire nel 1831 il primo Museo pubblico russo, inizialmente a San Pietroburgo e poi, nel 1861, trasferito a Mosca. Nikita Krusciov, segretario del Partito Comunista dell’Unione Sovietica dalle origini ucraine, decide nel 1953 di trasferire la scultura che iconograficamente richiama la Nemesi da San Pietroburgo a Kiev, al Museo Nazionale Khanenko.

“La Pace di Kiev, ora nascosta alla vista a causa della guerra e chissà per quanto tempo ancora inaccessibile, viene evocata con l’unica sua copia esistente nella sala di Leone X" ha detto il sindaco di Firenze Dario Nardella.

“La Pace di Kiev, proveniente dal Museo Gypsotheca Antonio Canova di Possagno, è ora a Firenze, e qui, temporaneamente, attende tempi di pace” ha detto Vittorio Sgarbi, curatore della mostra. "Qui passato, presente e futuro si incontrano e s'incrociano - ha concluso il direttore del Museo del Novecento Sergio Risaliti illustrando la scultura - e l’arte si assume il compito di rappresentare il destino dell’umanità".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
A provocare lo scoppio è stata una fuga di gas dalla bombola del forno. Ferite anche due bambine. Evacuata l'intera zona per le verifiche strutturali
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Ciro Vestita

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Imprese & Professioni