Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 10:37 METEO:FIRENZE9°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
domenica 29 gennaio 2023
Tutti i titoli:
corriere tv
Il ministro Guido Crosetto canta Bella Ciao alla serata con Fiorello per il Bambino Gesù

Attualità giovedì 06 luglio 2017 ore 16:55

La Toscana si riscopre terra di montagna

Cresce il numero di toscani che sceglie di vivere nei 128 Comuni montani. A Firenze amministratori a confronti agli Stati generali della montagna



FIRENZE — Sempre meno toscani lasciano le località di montagna, anzi ci sono segnali positivi di ripopolamento dopo anni di esodo. E' uno dei dati più significativi emersi dagli Stati generali sulla montagna toscana organizzati da Regione Toscana e Anci a Firenze. Amministratori e tecnici riuniti per confrontarsi anche sui risultati della ricerca di Irpet che mostrano una montagna toscana colpita duramente dalla crisi economica ma in grado di reagire con i suoi 188mila addetti attivi soprattutto in ambito agricolo e industriale. Le risposte della Regione, ha detto l'assessore all'agricoltura Marco Remaschi, prevedono azioni specifiche per questi territori:

"Vogliamo vivere la montagna come una opportunità, non come un problema - ha detto l'assessore regionale a agricoltura e politiche della montagna Marco Remaschi - Questi ‘Stati generali della montagna' sono un'occasione di ascolto, di confronto, ma anche di programmazione attenta dei bisogni. E' nostro obiettivo uscire da questa giornata avendo ben chiare azioni mirate, concrete, realizzabili". "Vogliamo ripartire stringendo una alleanza più forte con la montagna, varando un metodo di confronto che includa di più i rappresentanti e gli operatori dei territori", ha poi aggiunto.

Risposte da dare ai quasi 600mila residenti distribuiti su 128 Comuni montani, più o meno un quinto della popolazione toscana distribuita su un territorio che può dare contributi significativi anche nell'ambito dell'approvvigionamento energetico. "Il contrasto ai cambiamenti climatici – ha detto l'assessora regionale all'ambiente Federica Fratoni - passa attraverso il presidio delle zone montane; è qui, attraverso la manutenzione di boschi e torrenti che si può frenare il dissesto idrogeologico, è qui che possono svilupparsi possibili fonti energetiche alternative (penso alla biomasse) in grado di contribuire alla filiera del legno ma anche capaci di affrancare parte del territorio toscano dall'approvvigionamento energetico da fonti tradizionali".

La montagna toscana con i suoi comuni che hanno una dimensione media di 4mila abitanti è anche una risorsa preziosa per turismo e commercio regionale. A patto che siano superate le difficoltà nella gestione dei servizi dispersi sul territorio sfociate in molti casi nella nascita delle Unioni dei Comuni o nelle fusioni.

Tra i dati positivi emersi dagli Stati Generali sulla montagna toscana, c'è quello della copertura attraverso le infrastrutture tecnologiche, a partire dalla banda larga. Un passo avanti per dare a chi vive e lavora in montagna le stesse opportunità di chi si trova nelle città


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

SERVIZIO - LA MONTAGNA TOSCANA ALLO SPECCHIO
Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Nel capannone c'era marijuana per un profitto di un milione l'anno e 88 lampade alimentate con allaccio abusivo. La droga destinata al nord Europa
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Adolfo Santoro

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Sport

Cronaca

Attualità