Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 17°21° 
Domani 15°27° 
Un anno fa? Clicca qui
mercoledì 17 luglio 2019

Attualità domenica 01 gennaio 2017 ore 19:10

Tre casi di meningite aprono il nuovo anno

Due casi di tipo B e uno di tipo C sono stati diagnosticati in Toscana tra il 31 dicembre e il 1 gennaio a Livorno, a Prato e nel fiorentino



FIRENZE — E' ancora fresca la memoria della morte del bimbo di 22 mesi stroncato dalla meningite a Porcari il 29 dicembre che subito il 2017 si apre con tre nuovi casi. 

Uno a dire il vero risale già all'anno scorso. Alla ventenne di Prato ricoverata all'ospedale Santo Stefano, infatti, l'infezione da meningococco C è stata diagnosticata la sera del 31 dicembre. La giovane, vaccinata, è stata subito ricoverata nel reparto di terapia Intensiva. I sanitari hanno sospettato subito che si trattasse di sepsi da meningococco ed hanno immediatamente sottoposto la paziente alla terapia specifica. Le successive analisi del laboratorio dell'ospedale pediatrico Meyer di Firenze, centro di riferimento per questo tipo di indagini, ha confermato la presenza del meningococco C. Sono state subito attivate le procedure per la profilassi e i familiari della ragazza sono stati sottoposti, già dalle prime ore della mattina, alla copertura antibiotica. Con loro, anche le persone che nei dieci giorni precedenti all'esordio dei sintomi hanno avuto contatti stretti e ravvicinati con la ragazza. E' in corso ora l'indagine epidemiologica per ricostruire i luoghi frequentati dalla giovane.

Nel giorno di Capodanno, poi, nel fiorentino, è stato ricoverato un uomo di 55 anni, residente a Impruneta. Il 55enne è arrivato ieri pomeriggio all'ospedale di Santa Maria Annunziata denunciando i tipici sintomi della meningite, primo fra tutti la febbre molto alta. Le analisi di laboratorio hanno presto confermato che si trattava di meningococco B. Il paziente, spiega una nota dell'Ausl Toscana centro, è attualmente in condizioni cliniche stabili. "Il servizio di igiene e sanità pubblica fiorentino - ha spiegato la Ausl - ha subito attivato le misure di profilassi, sulla base della valutazione del profilo di rischio". 

Poi il nuovo caso, quello di un uomo di 83 anni residente a Venturina, ricoverato nel reparto di malattie Infettive all'ospedale di Livorno con diagnosi di meningite da emofilo di tipo B. "Questa patologia - ha spiegato la Asl - non comporta profilassi per i soggetti venuti in contatto con l''anziano". Le condizioni del paziente sono serie e la prognosi riservata. 

Guardando agli anni passati, nel 2015, i casi di meningite notificati sono stati complessivamente 38: 31 da meningococco C, 6 B, 1 W, 1 non noto. Così anche nel 2016. I casi notificati sono stati 29 di ceppo C, 6 B, 1 W, 1 X, 1 non tipizzabile. A questi, però, si devono aggiungere gli ultimi tre casi, due di tipo B e uno C.

Dall'inizio della campagna vaccinale straordinaria alla fine aprile 2015 fino al 30 novembre 2016, sono state somministrate in totale 735.865 vaccinazioni: 198.731 nella fascia di età 11-20 anni; 333.369 nella fascia 20-45; 203.765 dai 45 anni in su.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Spettacoli

Cronaca

Attualità

Cronaca