Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:25 METEO:FIRENZE19°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
sabato 16 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Canarie: terremoto di magnitudo 4,5 provoca nuovo fiume di lava, altri 300 evacuati

Attualità domenica 15 marzo 2020 ore 13:05

“Nas vadano a Careggi a verificare uso mascherine"

Giampaolo Giannoni, responsabile regionale del sindacato autonomo Nursind ha denunciato "Gli infermieri sono costretti a riutilizzarle"



FIRENZE — “Mancano le mascherine, a Careggi si chiede agli infermieri di riutilizzare i dispositivi monouso e in altre parti della Toscana si invitano addirittura a fabbricarle con la carta da forno. Chiediamo l’intervento dei Nas per far rispettare le prescrizioni di legge negli ospedali toscani” è quanto ha dichiarato Giampaolo Giannoni, responsabile regionale del sindacato autonomo degli infermieri Nursind.

“In diversi presidi ospedalieri toscani - ha denunciato Giannoni - per mancanza di dispositivi gli infermieri sono costretti a utilizzare una sola mascherina per turno (mattina, pomeriggio, notte) e a riutilizzarla almeno tre volte: si chiede esplicitamente al personale di lasciare le mascherine usate – che dovrebbero essere monouso – in un apposito sacchetto, per inviarle a sterilizzare. O addirittura si invitano gli infermieri a lavarle a casa con acqua calda e sapone”. “Succede nell’Azienda Ospedaliera Universitaria di Careggi - sottolinea il segretario regionale Nursind - così come in altre strutture dell’Asl Toscana Centro. Nell’area di competenza dell’Asl Toscana Nord Ovest si arriva addirittura a raccomandare l’uso di mascherine artigianali realizzate con carta da forno come valido sostituto in mancanza dei dispositivi certificati. Anche il personale del Servizio di Emergenza Urgenza del 118 viene inviato con la sola mascherina chirurgica, assolutamente insufficiente per la protezione dal virus, quando si riscontrano sospetti casi positivi”. “Tutto ciò in palese violazione della legge: nell’art. 34 del protocollo firmato ieri si chiarisce che i dispositivi sanitari devono essere validati dal Consiglio Superiore di Sanità”. “Ulteriore aggravante: per il personale sanitario non è previsto il tampone, anche se è entrato in contatto con una persona risultata positiva al Covid-19, né è prevista la quarantena finché non manifesta i sintomi della malattia”. “E’ assolutamente paradossale che il Governo garantisca condizioni molto più sicure a chi lavora in fabbrica e in altri stabilimenti produttivi, rispetto a chi combatte in prima linea contro la pandemia nelle strutture ospedaliere. Ma almeno le disposizioni di legge vengano rispettate dalle direzioni regionali: chiediamo l’intervento dei Nas nelle strutture sanitarie toscane, a partire dall’Ospedale di Careggi” ha concluso Giannoni. 

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il terribile incidente è avvenuto tra un'auto e una bicicletta. I medici hanno tentato di rianimare la donna ma per lei non c'è stato niente da fare
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

CORONAVIRUS