Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:35 METEO:FIRENZE24°35°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
martedì 28 giugno 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Unione europea, perché l'unanimità non funziona: la strategia del ricatto

Cronaca giovedì 21 aprile 2022 ore 18:20

Raffica di furti in chiesa tra calici e crocifissi

Una lunga scia di furti di oggetti sacri è stata messa a segno nelle chiese durante i giorni della Pasqua, in Toscana. L'ultimo episodio a Firenze



FIRENZE — Calici, ex voto e crocefissi sono spariti tra Marzo e Aprile da alcune chiese della Toscana, una scia di furti ai quali si è aggiunto oggi il tentativo di trafugare due contenitori di ostie consacrate da una chiesa di Firenze.

Calici per le ostie, o pissidi, candelabri, ex voto e persino un crocefisso sono spariti nel periodo di Pasqua. I furti sono stati denunciati dai parroci ed in alcuni casi in rocambolesche circostanze con inseguimenti andati a vuoto.

Partiamo dall'ultimo episodio. Un uomo di 66 anni è stato arrestato a Firenze dopo essere stato sorpreso a rubare due pissidi, i contenitori per le ostie consacrate, dalla chiesa della Beata Vergine Regina della Pace in via di Caciolle, nel capoluogo toscano.

I precedenti. 

Nella cattedrale di Grosseto il 19 Aprile un uomo con cappello, mascherina, guanti e occhiali da sole ha portato via gli ex voto dei fedeli. Il ladro si è introdotto in Duomo poco prima delle 8, dirigendosi verso la cappella della Madonna delle Grazie. Dall'altare ha preso uno dei candelieri in ottone, ha tolto la candela e col punteruolo che serve per fissarli ha spaccato il vetro della teca dove sono conservati gli ex voto. Il custode si trovava in sacrestia e dal monitor di sorveglianza ha visto la scena, si è precipitato immediatamente in cattedrale ma l'uomo ha gettato a terra il candeliere ed è fuggito dileguandosi poi in bicicletta. L'uomo è sfuggito a tre agenti della municipale in borghese che si sono messi a inseguirlo senza successo. La vicenda ha creato sgomento visto che la Chiesa di Grosseto si accinge a vivere la novena per la festa annuale della Madonna delle Grazie, che quest'anno sarà celebrata domenica 1 Maggio.

Il 20 Aprile il parroco della chiesa di San Francesco a Grosseto si è recato dai carabinieri per denunciare il furto di un crocifisso in ottone, portato via da ignoti nelle cappella di Sant'Antonio. I frati sospettano che il furto si sia verificato tra giovedì e venerdì della settimana santa quando la cappella che solitamente custodisce il Santissimo Sacramento è rimasta inutilizzata perché le ostie consacrate si trovavano nel tabernacolo all'altare della reposizione per i riti del triduo pasquale. La diocesi ha reso noto che durante la quaresima dalla chiesa di San Francesco erano spariti anche due piccoli candelieri in legno.

A fine Marzo il parroco della Chiesa di San Giovanni Battista, a Firenze, nella zona ospedaliera di Careggi ha denunciato il furto di un calice con le ostie dell'eucarestia assieme ad un cero di colore rosso.

I manufatti sacri rappresentano nell'immaginario collettivo il bottino per antonomasia, si tratta di oggetti artigianali in oro o argento spesso impreziositi da cesellature o pietre preziose ma richiamano anche fatti di cronaca legati a culti esoterici. 


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Arrivano i temporali ma resta l'allerta per le alte temperature. Forti piogge e raffiche di vento sul nord-ovest e sulle coste centro meridionali
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Cronaca

Cronaca