Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 21:30 METEO:FIRENZE15°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
martedì 09 marzo 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Draghi: «Via d'uscita dalla pandemia è vicina, il Recovery è un'opportunità per le donne»

Politica domenica 17 aprile 2016 ore 23:17

Trivelle, niente quorum per il referendum

In Toscana affluenza al 30,7%. Il premier Renzi: "Non votare è stato lo strumento più semplice per non mettere in crisi un intero settore"



FIRENZE — Il referendum sulle trivellazioni in mare non ha raggiunto il quorum dei votanti: a livello nazionale l'affluenza si è attestata al di sotto del 32 per cento.

In Toscana hanno votato il 30,7 per cento degli aventi diritto. La provincia che ha registrato la più alta adesione al voto è stata quella di Livorno (34 per cento) seguita da quella di Firenze con il 33 mentre Arezzo è stata quella con la più bassa affluenza (26,5 per cento).

Lo scrutinio è finito con 83,55 per cento dei "sì" con 13.334.764 voti e i "no" si sono attestati al 14,2 per cento con 2.198.805 voti.

A scrutinio ancora in corso il presidente del consiglio Matteo Renzi, che nelle scorse settimane aveva invitato i cittadini ad astenersi, ha dichiarato che "da questo referendum non escono nė vincitori né vinti".

"Il governo non è il vincitore di questa partita ma questa sera noi festeggiamo con gli operai e i tecnici che lavorano nelle piattaforme e che ora hanno un futuro - ha detto Renzi - Qualcuno ha usato il referendum per fare una conta interna e per questo referendum abbiamo speso inutilmente 300 milioni di euro. La demagogia però non paga. Basta con le polemiche, basta con l"odio, pensiamo a costruire il futuro energetico dell'Italia".

"Noi abbiamo stravinto il referendum e Renzi lo sa benissimo - ha replicato il presidente della Regione Puglia Emiliano, fra i promotori del referendum - Sono andate a votare 14 milioni e mezzo di persone, informate e determinate a non permettere a una lobby di dettare la politica energetica di un paese. Il governo ha voluto prorogare i termini delle concessioni per far risparmiare ai petrolieri il miliardo e mezzo di euro necessario a smantellare le piattaforme. La storia dei posti di lavoro salvati è una barzelletta. La nostra battaglia non finisce qui".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Lavoro