Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 17°18° 
Domani 17°29° 
Un anno fa? Clicca qui
sabato 24 agosto 2019

Attualità lunedì 17 ottobre 2016 ore 18:24

Un toscano su due non è mai stato agli Uffizi

I motivi? File troppo lunghe all'ingresso e prenotazioni on line troppo complicate secondo un sondaggio realizzato dal Premio Galileo 2000



FIRENZE — La Galleria degli Uffizi è uno dei musei più famosi e amati del mondo, meta ambitissima di milioni di turisti di tutti i paesi del mondo. Eppure un toscano su due non c'è mai stato, soprattutto fra coloro che hanno un'età compresa fra i 41 e 50 anni.

La prova è in un sondaggio on line realizzato in collaborazione con l'agenzia Klaus Davi dal Premio Galileo 2000, ideato da Alfonso De Virgiliis nel 1996.

Il dato più eclatante è che il 50 per cento della popolazione intervistata (1.200 toscani in tutto) non si è mai concessa una visita al museo mentre il 29,7 per cento del campione dichiara di esserci stato una sola volta e appena l’11,5 per cento almeno tre volte.

Ma perché un toscano su due ancora non ha ammirato i capolavori degli Uffizi? Il 45,4 per cento punta il dito contro l le file che il visitatore deve fare per acquistare il biglietto e poi per entrare nel museo; il 31,2 per cento del campione  invece ha dichiarato di aver provato ad acquistare o prenotare i biglietti online ma di aver poi rinunciato per varie difficoltà nella procedura.

Ci sono poi motivazioni di tipo psicologico: il fatto di avere a disposizione in qualunque momento un bene artistico porta l’11,4 per cento degli intervistati a rimandare. Il 7 per cento ha poco tempo da dedicare alla cultura e ill 3,9 non ha ancora varcato la soglia degli Uffizi per motivi economici.

Grazie alle risposte dei partecipanti al sondaggio, promosso dal Premio Galileo 2000, è stata stilata una top ten dei musei toscani più conosciuti. Al primo posto si posiziona la Galleria degli Uffizi (20,5 per cento) seguito da Palazzo Pitti a Firenze (19,3 per cento), antica residenza dei granduchi di Toscana, che ospita importanti collezioni di dipinti, sculture e oggetti d’arte. Il complesso museale comprende anche il giardino di Boboli, considerato tra i primi e più famosi giardini italiani.

Terza classificata Piazza dei Miracoli (16,2 per cento) a Pisa con la Cattedrale, il Battistero, il Campo Santo, e il Campanile, inserita fra i Patrimoni dell’Umanità dell’Unesco dal 1987.

Segue la Galleria dell’Accademia a Firenze, famoso scrigno del David di Michelangelo, che solo nel trimestre giugno – agosto è stata visitata da quasi mezzo milione di persone, con un aumento del 4,41 per cento rispetto allo stesso periodo del 2015.

Al quinto posto troviamo il Centro Luigi Pecci (8 per cento) di Prato, che dopo i lunghi lavori di ampliamento e ristrutturazione, è tornato appena aperto al pubblico. In sesta posizione anche il Museo archeologico statale Gaio Cilnio Mecenate di Arezzo.

Settimo, con il 6 per cento delle preferenze, il Museo di Arte Contemporanea Lu.C.C.A. allestito all'interno di Palazzo Boccella a Lucca, seguito dal Duomo di Siena,il Palazzo Piccolomini di Pienza e i Musei Civici di San Gimignano.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Cronaca

Attualità