comscore
Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 18°27° 
Domani 18°30° 
Un anno fa? Clicca qui
Toscana Media News - Giornale Online
mercoledì 15 luglio 2020
corriere tv
Autostrade, la famiglia Benetton accetta le condizioni del governo

Attualità mercoledì 15 aprile 2020 ore 10:54

A Torregalli reparti Covid nelle sale operatorie

Il San Giovanni di Dio ha rimodulato gli spazi per non interrompere il trattamento dei pazienti oncologici durante l’emergenza di Coronavirus



FIRENZE — Al San Giovanni di Dio per garantire l’attività chirurgica per le patologie tumorali non differibili l’ospedale ha dovuto adottare misure di carattere urgente per rimodulare il proprio assetto organizzativo. La riorganizzazione degli spazi ha riguardato la Week Surgery dove sono stati ricavati 16 posti letto totalmente dedicati a Covid 19 e dove le due sale operatorie attigue sono state trasformate in 4 posti di terapia intensiva Covid.

Inoltre una parte delle sale operatorie del padiglione Vespucci è stato trasformato in reparto terapia intensiva Covid ed all'interno vi è stata ricavata una sala per operare i pazienti Covid positivi. Gli spazi usuali dell’ospedale adibiti a terapia intensiva, sono stati trasformati in terapia intensiva Covid mentre per la terapia intensiva No Covid sono stati ridestinati gli spazi della terapia intensiva cardiologica. Anche l’attività chirurgica d’urgenza è rimasta attiva con l’adozione di tutte le precauzioni necessarie. Se si presenta un’urgenza chirurgica indifferibile il paziente viene operato nella sala Covid mentre i pazienti che possono attendere qualche ora, vengono trattenuti in Pronto Soccorso in attesa della risposta del tampone che viene loro eseguito all'ingresso in DEA, per poi intraprendere il percorso idoneo.

L'organizzazione in rete dell’attività chirurgica all'interno della Ausl Toscana centro ha permesso che nelle sale operatorie del San Giovanni di Dio siano stati svolti interventi chirurgici da equipe provenienti anche da altri ospedali dell’Azienda per trattare i loro pazienti oncologici. La riorganizzazione chirurgica della Azienda Toscana Centro per l’emergenza Covid prevede anche accordi che consentono ai professionisti di trattare in strutture private pazienti neoplastici che non trovano oggi collocazione nei vari ospedali dell'azienda; .

“La collaborazione del personale è stata fondamentale - ha dichiarato Alessandro Anastasi, direttore della chirurgia generale San Giovanni di Dio - Il personale sanitario, sia medico che infermieristico dei vari reparti e del comparto operatorio, si è reso disponibile ad essere utilizzato nei reparti Covid. Importante al fine di raggiungere lo scopo è stata la preziosa collaborazione che ha visto partecipi tutte le figure professionali dell'ospedale in un fantastico lavoro di squadra, che è stata la grande risorsa di questo ospedale, coinvolgendo in un unico obiettivo tutti gli attori.”



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Cronaca