Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 23:09 METEO:FIRENZE18°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
domenica 28 febbraio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Covid, a Milano folla sui Navigli nell'ultimo weekend in fascia gialla

Attualità giovedì 14 gennaio 2021 ore 19:05

Cene simulate per protestare contro le chiusure Covid

I Ristoratori Toscana all'incontro in Prefettura
I Ristoratori Toscana all'incontro in Prefettura

Domani luci accese dalle 20 alle 22 nei locali di tutta Italia ma i Ristoratori Toscana prendono le distanze da iniziative contrarie alle regole



FIRENZE — I Ristoratori Toscana aderiscono alla protesta nazionale che vedrà i locali aperti dalle 20 alle 22 ma hanno preso le distanze dalle aperture non autorizzate. “Chi non rispetterà le regole e accoglierà clienti nei propri locali, non osservando le disposizioni vigenti andrà incontro non solo a sanzioni ma anche al ritiro della licenza" è quanto hanno fatto sapere i prefetti che oggi in varie città hanno incontrato i ristoratori. 

"La nostra associazione prende le distanze da simili forme di protesta” ha spiegato Pasquale Naccari, portavoce di Tni-Tutela Nazionale Imprese e di Ristoratori Toscana che questa mattina è stato ricevuto insieme al vice presidente Raffaele Madeo dal prefetto di Firenze, Alessandra Guidi.

Venerdì 15 Gennaio gli imprenditori accenderanno luci e musica e apriranno le porte dei propri locali simulando una cena per titolari e dipendenti dei locali in cassa integrazione. Le maggiori adesioni in Toscana a Firenze, con 300 locali, una ventina a Livorno e altrettanti a Pisa e Siena. Flash mob anche a Trento, Treviso, Verona, Vicenza, Savona, Genova, Milano, Roma, Napoli, Salerno.

I rappresentanti delle sigle riunite nel collettivo Tni sono stati ricevuti dai prefetti delle altre città italiane, da Vicenza a Salerno, da Brescia a Foggia, da Treviso a Bari, che hanno aderito alla mobilitazione. Nel corso degli incontri le delegazioni di imprenditori hanno ribadito la necessità di aprire anche a cena e nel fine settimana.

“Perché a pranzo sì e dopo le 18 no? Perché in settimana sì e nel weekend no?”, ha sottolineato Naccari chiedendo al prefetto del capoluogo toscano di farsi portavoce e pretendere dal Governo "le prove scientifiche che individuino i pubblici esercizi come luoghi di contagio e sulle cui basi sono state imposte le chiusure". 

“I nostri locali sono sottoposti a protocolli molto rigidi e tutti noi abbiamo una capienza massima da rispettare, sia durante la settimana che il sabato e la domenica, sia di giorno che di sera. Se il problema è quello che succede in strada o nelle piazze allora bisognerebbe pensare a un modo diverso di fare i controlli. Noi siamo pronti a collaborare per semplificare il lavoro delle forze dell'ordine. Al prefetto abbiamo proposto di identificare i nostri clienti lasciando loro un bollino da mostrare in caso di controllo. Vogliamo dimostrare che i responsabili degli assembramenti non siamo noi gestori”. 

Sempre al prefetto, Naccari ha chiesto di sostenere la propria battaglia con gli organi competenti affinché “venga assolutamente evitato il blocco dell'attività d'asporto e si prevedano indennizzi continuativi e proporzionali alla perdita di fatturato”.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Attualità

Attualità