Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:00 METEO:FIRENZE13°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
giovedì 02 febbraio 2023
Tutti i titoli:
corriere tv
Caso Cospito, in Senato scoppia la bagarre per le parole di Balboni (FdI). Il Pd lascia l'aula per protesta

Attualità mercoledì 22 aprile 2020 ore 15:04

La moda non ce la fa più, rischio zero ordini

sfilata moda

Il settore moda di Confindustria Firenze chiede di riaprire subito almeno i reparti modelleria delle imprese per rinnovare i campionari



FIRENZE — Insieme ai tessili del distretto pratese ci sono le imprese della moda a scalpitare per potersi rimettere in pista e recuperare, per quanto possibile, il tempo perduto a causa dell'emergenza coronavirus. Il messaggio che lancia il settore moda di Confindustria Firenze non lascia spazio all'immaginazione: se non si realizzano i nuovi campionari, c'è il rischio di un effetto a catena che potrebbe portare anche alla definitiva chiusura di molte aziende. 

La richiesta che arriva dal presidente David Rulli è di riaprire subito almeno i reparti modelleria delle imprese. “Siamo pronti a riaprire, anche da oggi stesso, i reparti modelleria delle nostre imprese", spiega Rulli. In questi reparti, sottolinea, sarebbe coinvolto un numero limitato di lavoratori e la riapertura darebbe la possibilità di "non perdere quelle posizioni di mercato che un mese e mezzo di lockdown rischiano di mettere in discussione. I nostri competitor esteri lavorano; e, con buone probabilità, si stanno già insinuando fra i nostri clienti internazionali". 

Già, perché le imprese di paesi concorrenti come "Spagna, parte della Francia e alcuni paesi dell’Est europeo sono già ripartite; e alcuni grandi brand mondiali stanno si stanno già rivolgendo a loro per quei campionari che avremmo dovuto produrre noi; l'industria della moda è scandita da tempistiche precise a livello internazionle. E noi assistiamo inermi a questa perdita secca di valore del nostro made in sui mercati. Abbiamo già perso molti ordini e abbiamo ricevuto annullamenti per quelli che avremmo dovuto consegnare in questi mesi, ma se non realizziamo i campionari sono a rischio anche gli ordini che dovremmo, se pur ridotti, ricevere in futuro”.

Il problema sottolineato da Rulli sta nel fatto che se un campionario viene fatto in un altro Paese, è probabile che in quello stesso Paese sia direttamente realizzato anche il prodotto finito lasciando a secco le imprese toscane e, nel caso specifico, quelle attive nella pelletteria, nelle calzature e nella moda nel fiorentino. 


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Una donna di 36 anni è stata arrestata a seguito di una lunga serie di furti e di indagini condotte da carabinieri, polizia, finanza e vigili urbani
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Edit Permay

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Monitor Consiglio

Monitor Consiglio

Attualità

Cronaca