Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 21:30 METEO:FIRENZE13°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
martedì 09 marzo 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Draghi: «Via d'uscita dalla pandemia è vicina, il Recovery è un'opportunità per le donne»

Attualità giovedì 29 ottobre 2020 ore 11:27

Ambulanti alla carica contro il Decreto Ristori

ambulanti

Pochi gli aiuti nel decreto con i sostegni delle categorie colpite dall'ultimo Dpcm. Protesta di Anva Confesercenti: "I fieristi i più penalizzati"



FIRENZE — Nel Decreto Ristori varato dal Governo per andare incontro alle categorie economiche maggiormente colpite dall'ultimo Dpcm anti-Covid gli ambulanti fiorentini non si sono ritrovati o per lo meno, si legge in una nota di Anva Confesercenti Firenze, ci hanno trovato solo briciole: "Le misure annunciate dal Presidente Conte e poi approvate, per venire incontro alle  esigenze delle categorie economiche più colpite dall’ultimo DPCM, con il decreto chiamato appunto “Decreto Ristori”, prevedono una serie di misure economiche sia come contributo a fondo perduto che come credito di imposta, ma niente o quasi per il settore ambulante".

Eppure, spiega il presidente Luca Taddeini, anche questo settore è stato duramente colpito e non solo dall'ultimo decreto che ha fatto esplodere numerose proteste anche nel capoluogo toscano (vedi articoli collegati), ma già da prima. Sì, perché tanti ambulanti a Firenze dipendono strettamente dal turismo che, da febbraio, è stato praticamente annientato dalla pandemia di Covid-19.  

“Gli ambulanti dei raggruppamenti turistici del centro storico di Firenze e quelli che
partecipano a quelle manifestazioni in occasione di particolari ricorrenze, eventi o
festività, i cosiddetti “fieristi” – ha detto Taddeini - sono gli imprenditori su area
pubblica più penalizzati di tutti. Infatti i primi, pur essendo aperti, sono direttamente legati al settore turistico, ed hanno iniziato a veder azzerato il proprio fatturato fin dall’inizio di febbraio, e la prospettiva di una vera e propria ripartenza è ancora incerta e legata alla ripresa dei flussi turistici (italiani ed internazionali) su Firenze".

Gli altri, i "fieristi", si sono visti annullare "dai Comuni o per decreto tutte le iniziative ed eventi dove operano e sono praticamente chiusi da inizio anno".

Da qui la richiesta rivolta alla Regione che al Governo, "che hanno sempre dimostrato la disponibilità nel cercare soluzioni, di stanziare immediatamente dei contributi a fondo perduto che consentano a queste imprese di mantenersi in piedi".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Lavoro