Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:05 METEO:FIRENZE24°38°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
giovedì 18 luglio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
La corsa dei russi in moto per evitare le bombe ucraine
La corsa dei russi in moto per evitare le bombe ucraine

Attualità giovedì 19 novembre 2020 ore 20:00

Neanche il Covid riduce l'affitto agli studenti

L'allarme è stato lanciato da Cgil, Sunia e Udu che hanno reso noti i numeri del fenomeno che investe gli studenti fuori sede in cerca di un alloggio



FIRENZE — La crisi economica seguita all'epidemia di Coronavirus non ha ritoccato i prezzi delle camere e appartamenti per gli studenti fuori sede, è quanto emerge dai dati resi noti da Cgil, Sunia e Udu.  

"Si tratta del mercato più iniquo che ci sia. Affitti alti e alloggi scadenti, un far west che scoraggia i ragazzi a studiare nella nostra regione" ha commentato la segretaria del Sunia Firenze e Toscana, Laura Grandi.

Sunia, Cgil e Udu in Toscana, nel corso degli ultimi 3 mesi, hanno ricevuto 2.140 contatti di studenti che hanno fatto richiesta di aiuto per trovare un’abitazione, il 26 per cento ha trovato un alloggio tra 600 e 900 euro al mese.

Il mercato durante l'ondata Covid. "Una situazione paradossale: ci sono maggiori disponibilità di alloggi in affitto, ma non è stato scalfito il costo dei canoni. Anzi, addirittura vediamo nel periodo di Settembre Ottobre una piccola crescita del prezzo al metro quadro" hanno spiegato Maurizio Brotini e Simone Porzio della Cgil Toscana, Laura Grandi del Sunia e Udu Firenze-Pisa.

Quale era la situazione degli studenti prima dello scoppio della pandemia? Dalla ricerca a campione fatta da Cgil, Sunia e Udu, "Nel 67 per cento dei casi il contratto risultava totalmente in nero, mentre, per la quota restante, la metà dei contratti risultavano registrati per una cifra inferiore a quella realmente pagata". "Un posto letto costava dai 200 ai 270 euro, una singola da 320 a 400 euro, e nel 75 per cento dei casi si trattava di alloggi privi di qualsiasi manutenzione. Il 30% degli intervistati aveva già dichiarato difficoltà da parte delle famiglie a sostenere le spese". 

Tra le richieste di Cgil, Sunia e Udu "Ampliare il parco alloggi pubblico per studenti in tutte le città universitarie, rifinanziare la Legge 338/2000 per l’edilizia residenziale universitaria, istituire un fondo nazionale di sostegno all’affitto per gli studenti universitari fuori sede, combattere l’illegalità del settore e verificare la regolarità dei contratti, stabilizzare un sistema di vantaggio fiscale per le famiglie degli studenti fuori sede".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno