Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 06:08 METEO:FIRENZE21°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
martedì 19 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Elezioni comunali, il Pd ha vinto ma la battaglia per le Politiche sarà diversa

Attualità lunedì 24 maggio 2021 ore 10:46

Scoperti gli occhi d’argento del Cosimo di Cellini

Nascosti da secoli sono riemersi durante il restauro realizzato in previsione della partenza del busto per il Metropolitan Museum di New York



FIRENZE — Una straordinaria scoperta dovuta all'intuizione di una restauratrice e basata sulla critica contemporanea, così sono riemersi gli occhi color ghiaccio di Cosimo I de’ Medici durante un restauro del busto monumentale in bronzo realizzato da Benvenuto Cellini tra il 1545 e il 1548.

 Il fortunato recupero è stato possibile grazie al restauro iniziato ad Aprile, in vista del prestito della scultura al Metropolitan Museum di New York per la mostra The Medici: Portraits and Politics, 1512-1570 (26 giugno – 11 ottobre 2021).

Affidato alla restauratrice Ludovica Nicolai, l’intervento prevedeva inizialmente la sola rimozione di alcuni prodotti di corrosione della lega formatisi all’interno del busto. Nell’occasione, stimolata da un’ipotesi che era stata lanciata dalla critica, la restauratrice - di concerto con Ilaria Ciseri, curatore delle collezioni del Museo Nazionale del Bargello, che ha seguito il restauro - ha pensato di procedere ad un piccolo saggio sulla superficie degli occhi, per verificare se fosse stata realizzata in argento.

“Il tentativo ha dato subito un risultato emozionante - racconta Ilaria Ciseri - celato sotto uno strato scuro e compatto è infatti emerso il chiarore di un metallo di colore diverso dal bronzo e in breve la restauratrice ha potuto accertare che il metallo era proprio argento. Benvenuto Cellini aveva dunque adottato una tecnica usata fin dall’antichità per impreziosire i volti delle sculture, inserendo lamine d’argento all’interno degli occhi”. Nei secoli successivi, forse tra Sette e Ottocento, era poi stata stesa una patinatura scura per uniformare cromaticamente gli occhi alla superficie bronzea del busto.

Oggi, finalmente, anche grazie al contributo finanziario del Metropolitan Museum di New York, lo sguardo vivo e penetrante di Cosimo I torna di nuovo a risplendere e potrà essere una delle maggiori attrazioni non solo per il pubblico del Museo Nazionale del Bargello, ma anche per la bella selezione di ritratti medicei che si potranno ammirare all’esposizione newyorkese.

Keith Chistiansen, John Pope-Hennessy Chairman del dipartimento di European Paintings del Metroplitan Museum of Art, ha dichiarato che il museo newyorkese “è lietissimo di poter presentare, in occasione della grande mostra dedicata alla ritrattistica fiorentina sotto Cosimo I de’ Medici di prossima apertura a giugno, la scoperta clamorosa che gli occhi del busto in bronzo del duca Cosimo - uno dei massimi capolavori del Museo Nazionale del Bargello, fatto dal Cellini nel 1546-47 - sono argentati. Una scoperta che rinforza l’effetto dello sguardo terribile e afferma l’eredità dell’antichità romana”.

Cosimo I viene ritratto dal Cellini - negli stessi anni in cui l’artista aveva iniziato a lavorare al Perseo per piazza Signoria - con una corazza ricca di decorazioni, in cui l’artista dimostra la sua raffinata abilità di orafo: al centro è il volto di Medusa, simbolo rinascimentale di potere militare e divino, e in fondo al petto è il Toson d’Oro, l’onorificenza cavalleresca che Cosimo aveva ricevuto nel 1545 dall’imperatore Carlo V. 

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La vettura, nell'impatto col suolo, si è ribaltata, riportando danni ingentissimi. Il dirupo è situato nei pressi della linea ferroviaria
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

CORONAVIRUS

Politica

Lavoro