Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 13:20 METEO:FIRENZE8°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
lunedì 06 febbraio 2023
Tutti i titoli:
corriere tv
Il crollo degli edifici ore dopo il sisma in Turchia: i video ripresi con gli smartphone

Attualità martedì 11 agosto 2020 ore 15:48

Ad agosto gli hotel aperti sono meno della metà

Turisti

Lo rivela un'indagine dell'ufficio turistico Convention Bureau: -70 per cento di stranieri. E ora si punta a fare il botto coi congressi



FIRENZE — La crisi nera del turismo causata dalla pandemia di Covid-19, quella che all'inizio di marzo era piombata all'improvviso come uno spettro, è vera e concreta anche ad agosto: secondo un'indagine interna di Firenze Convention Bureau, in queste settimane si registra un crollo verticale degi arrivi internazionali con punte del -70 per cento non compensate dal turismo domestico e da quello di prossimità, cioè da Francia, Svizzera e Germania. 

Questo nonostante, negli ultimi giorni, qualche segnale positivo stia arrivando. Ma non basta: a Firenze è aperto solo il 40 per cento degli hotel e l'occupazione media per il mese di agosto è del 24 per cento, con tariffe inferiori anche del 35 per cento rispetto allo stesso periodo delloscorso anno. 

Ora, mentre anche settembre non sembra lasciare spazio a grosse speranze di ripresa, la carta su cui si prova a puntare è quella dei congressi che possano portare in città numeri importanti di persone nello stesso momento. 

"E' un momento difficilissimo – ha detto il presidente di Firenze Convention Bureau Federico Barraco - ma c'è lo spazio per costruire il progetto del turismo che vogliamo per il futuro, sia nel segmento leisure che in quello congressuale. Nei prossimi mesi metteremo a punto un piano per incentivare la ripartenza del turismo congressuale che porta a Firenze visitatori con una capacità di spesa media procapite molto elevata: il nostro obiettivo è partire con cinque o sei congressi da tremila persone ciascuno e dare così una bella spinta. Per farlo serve un'iniezione di investimenti e stiamo allacciando contatti con partner adeguati. D'altra parte abbiamo aperto un canale di lavoro con tutti gli stakeholder cittadini, dal Comune alla Camera di Commercio perché o si fa sistema questa volta o si muore: la concorrenza è con destinazioni come Londra, Parigi e New York che si trovano adesso nelle stesse condizioni di Firenze perché dispongono di strumenti più potenti e risorse finanziarie più ampie”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il violento impatto ha coinvolto un'auto e un furgoncino. Due tra i feriti sono in condizioni più serie. Altri incidenti a Sinalunga e a Lucca
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Monitor Consiglio

Attualità