Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:35 METEO:FIRENZE16°30°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
domenica 22 maggio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Anniversario Falcone, la sorella Maria: «Non dimenticherò mai la maglia verde di Borsellino alla quale mi abbracciai»

Cultura domenica 09 giugno 2019 ore 12:15

La musica del male dello strumento di Leonardo

Nel nuovo libro di Daniela Piazza la storia inedita di una lira d'argento costruita dal genio di Vinci per conquistare la corte di Milano



FIRENZE — Si intitola La musica del male il nuovo libro di Daniela Piazza, presentato al Libraccio di via Cerretani. Presenti, insieme all'autrice, Gianluca Baccani e Paolo Ciampi.

Il libro narra la storia mai raccontata di uno strumento musicale perfetto costruito da Leonardo Da Vinci nel 1482. 

Quando Leonardo arrivò alla corte di Ludovico il Moro in veste di ambasciatore a Milano per conto del Magnifico Lorenzo, portò con sé in dono una lira d’argento a forma di teschio di cavallo, da lui progettata e costruita personalmente. 

Artista già noto a Firenze, Leonardo fu anche un grande musico e arrivò alla corte sforzesca con due seguaci: il giovane allievo Atalante Migliorotti e Tommaso Masino, soprannominato Zoroastro, esperto nel leggere i moti degli astri e affascinato della magia.

Ben presto, però, lo strumento pensato da Leonardo rivelò delle proprietà che sfuggivano all’intelligenza del suo inventore: già alla prima esibizione pubblica, il maestro intuì che la lira era dotata di volontà propria e che le melodie che ne scaturivano erano uniche e potenti, capaci di mettere in profonda connessione l’anima di chi la suonava con quella degli ascoltatori. Qualità, queste, che Leonardo non riuscì a spiegarsi razionalmente ma che pure mise a frutto per realizzare il ritratto di Cecilia Gallerani, amante del Moro.

Mentre diventava il protagonista della scena artistica di Milano, il genio toscano ospitò in casa altri apprendisti, tra cui Salaì, un bimbo vivace e furbo proprio come il Saladino del Pulci. E quando all’improvviso la lira scomparve nel nulla, fu lui il primo indiziato, mentre Leonardo fu costretto fare i conti con forze oscure e irrazionali che si rifiutavano di sottostare alle leggi della scienza da lui tanto amate.

Daniela Piazza, laureata in storia dell’arte e diplomata al Conservatorio, lavora come insegnante a Savona. Per Rizzoli ha pubblicato il best-seller Il Tempio della Luce (2012), disponibile in BUR, e L’enigma Michelangelo (2014).


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Un uomo di 74 anni è morto sulle spiagge dell'Elba. Inutili i soccorsi da parte del personale sanitario del 118 che ha constatato il decesso
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Riccardo Ferrucci

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Cronaca

Cronaca