Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:20 METEO:FIRENZE15°18°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
mercoledì 28 settembre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Il gasdotto Nord Stream perde, il video del mar Baltico che gorgoglia

Cronaca mercoledì 21 settembre 2016 ore 17:17

Gli appalti gonfiati nella scritta sul muro

La scritta comparsa nel 2012

Falso in atto pubblico, abuso d'ufficio e frode sono i reati ipotizzati dalla procura nei confronti di tre dipendenti comunali e due imprenditori



SIGNA — Tutto è iniziato dalla comparsa di una scritta su un muro di San Mauro a Signa non lontano dal cantiere dei lavori di ampliamento dell'asilo nido nel settembre 2012. Una frase quasi indecifrabile ma chiara nei contenuti: "Chi non ha pagato tangenti sensa una priopisata (così nella scritta) metta un asterisco qui. 

Da questa scritta è partita l'indagine coordinata dalla procura della Repubblica di Firenze. I primi risultati hanno portato alla luce molte storture nella gestione degli appalti. Le intercettazioni telefoniche e ambientali e l'acquisizione dei documenti ha fatto il resto. 

Il vaso di Pandora non ha tardato quindi ad aprirsi e subito è venuto fuori che i lavori di riqualificazione di piazza della Stazione hanno visto lievitare l'appalto da 145mila euro a 238.601 euro a seguito di variante. Quelli per il risanamento acustico di via dei Colli hanno visto il budget passare da 1.458.000 a 1.642.000 euro sempre dopo la variante. E ancora le opere di pavimentazione in via Roma e via dello Stadio sono passate da 254.542 a 585.355 euro a seguito di tre varianti e approvazione di lavori complementari. Infine, gli interventi di sistemazione dei giunti del ponte sull’Arno hanno conosciuto una lievitazione complessiva dell’appalto da 39.950 a 48.120 euro a seguito di variante.

Il cerchio alla fine si è stretto attorno a tre dipendenti del Comune di Signa e ai titolari di due aziende appaltatrici. I reati ipotizzati vanno dal falso in atto pubblico all’abuso d’ufficio e dalla frode nelle pubbliche forniture e omessa denuncia alla truffa ai danni dello Stato. Il giudice per le indagini preliminari di Firenze ha disposto nei confronti dei dipendenti comunali la sospensione dall’esercizio di pubblici uffici o servizi mentre a carico dei titolari delle aziende coinvolte quella del divieto di esercitare uffici direttivi delle persone giuridiche e delle imprese.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Nel giro di 24 ore su strade e autostrade della Toscana tre uomini hanno perso la vita. In giornata anche altri incidenti con feriti
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Tito Barbini

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Monitor Consiglio

Cronaca