Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:20 METEO:FIRENZE15°18°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
mercoledì 28 settembre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Il gasdotto Nord Stream perde, il video del mar Baltico che gorgoglia

Cronaca martedì 21 aprile 2015 ore 11:31

Fisco, frode da 3,5 milioni di euro

Dieci arresti fra cui i vertici di un'azienda di pianificazione industriale. La Guardia di Finanza di Savona ha svolto perquisizioni anche in Toscana



FIRENZE — La Guardia di Finanza di Savona ha eseguito dieci ordinanze di custodia cautelare e perquisizioni tra Liguria, Lombardia, Piemonte e Toscana dopo le indagini che hanno accertato una frode fiscale da 3,5 milioni di euro. 

Al centro dell'indagine la Grissitalia srl di Alessandria, un'azienda leader della panificazione industriale. In carcere sono finiti il presidente del cda, l'ad della fiduciaria di famiglia e i direttori di due stabilimenti.

La scoperta della frode nasce da una segnalazione di un istituto di credito sulle entrate ingenti e pari uscite di denaro dal conto di un autotrasportatore, le fiamme gialle hanno accertato quindi che l'impresa del camionista con un solo veicolo fatturava 17mila euro al mese. La Guardia di finanza ha quindi scoperto la frode: la Grissitalia pagava con bonifico false fatture emesse dai camionisti che prelevavano la stessa somma in banca trattenendo il 20% e restituivano i contanti al direttore dello stabilimento Gissitalia il quale rimandava il denaro alla famiglia proprietaraia dell'azienda. 

In carcere sono finiti il presidente del cda di Grissitalia Massimo Dagna, 45 anni, l'amministratore della fiduciaria di famiglia Roberto Dagna, 42 anni e i direttori degli stabilimenti di Albissola Graziano Brandino e di Serravalle Sesia Franco Aresca. 

Ai domiciliari l'azionista di maggioranza della Grissitalia Cesare Dagna, 70 anni, un dipendente dello stabilimento di Albissola, e tre autotrasportatori uno dei quali di Aulla. Altri 7 sono stati denunciati. L'accusa a diverso titolo è frode fiscale, emissione di fatture false, appropriazione indebita. Massimo Dagna dovrà rispondere anche di frode in commercio avendo disposto che parte della produzione dello stabilimento di Alessandria fosse effettuato con olio d'oliva e non con olio evo. Sequestrati beni per 2,5 mln euro.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Nel giro di 24 ore su strade e autostrade della Toscana tre uomini hanno perso la vita. In giornata anche altri incidenti con feriti
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Tito Barbini

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Monitor Consiglio

Cronaca