Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:58 METEO:FIRENZE8°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
martedì 07 febbraio 2023
Tutti i titoli:
corriere tv
Il crollo degli edifici ore dopo il sisma in Turchia: i video ripresi con gli smartphone

Cronaca martedì 19 maggio 2015 ore 18:46

"Forteto, vogliamo un milione di euro di danni"

La richiesta è stata presentata dalla Città metropolitana, parte civile nel processo contro Fiesoli e altri 22 imputati, accusati di abusi e violenze



FIRENZE — Nel processo sulle vicende del Forteto, la Città Metropolitana di Firenze è subentrata alla Provincia come parte civile per tutti i reati contestati: maltrattamenti fisici e psicologici, in famiglia o verso i fanciulli; violenza di gruppo nei riguardi di maggiorenni; violenza a minori. La richiesta di risarcimento danni per un milione di euro di danni prevede la concessione della provvisionale per una somma non inferiore a 500 mila euro nonché la refusione delle spese di costituzione di parte civile, pari a circa 8 mila euro.

"I reati sono stati compiuti a danno di minori con handicap fisici e mentali, con un passato di disagio familiare e abusati sessualmente - si legge in una nota della Città metropolitana - Reati compiuti da responsabili della comunità del Forteto che, attraverso le sue articolazioni di cooperativa agricola, associazione e Fondazione, aveva ottenuto contributi per le sue iniziative anche dalla Provincia di Firenze".

"Il sostegno è venuto meno, con fermo rigore, a seguito dell'apertura delle indagini della magistratura e sulla base delle precedenti pronunzie delle autorità giudiziarie, anche internazionali - prosegue la nota - Il Forteto aveva ottenuto dalla Provincia di Firenze risorse economiche e contributi per intavolare dibattiti e verifiche sul suo modello educativo e per la stampa di pubblicazioni, ma gli imputati hanno tradito l'ente che aveva sostenuto la comunità nelle materie di sua competenza e per le finalità, anche statutarie, di tutela della persona in materia di formazione, lavoro, educazione scolastica e solidarietà".

Le richieste formulate oggi in udienza, a conclusione del processo, sono motivate anche dal danno all'immagine che tutto ciò ha recato all'ente.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Ti potrebbe interessare anche:

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il violento impatto ha coinvolto un'auto e un furgoncino. Due tra i feriti sono in condizioni più serie. Altri incidenti a Sinalunga e a Lucca
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Toscani in TV

Cronaca

Attualità