comscore
Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 10°22° 
Domani 11°22° 
Un anno fa? Clicca qui
Toscana Media News - Giornale Online
venerdì 10 aprile 2020
corriere tv
Occhiali appannati con la mascherina? Ecco come evitare il problema

Imprese & Professioni domenica 16 febbraio 2020 ore 10:35

Gioco d'azzardo: la situazione in Toscana

La Regione Toscana in Italia è al quinto posto per spesa pro capite destinata al gioco d'azzardo.



TOSCANA — La Regione Toscana in Italia è al quinto posto per spesa pro capite destinata al gioco d'azzardo. Montecatini Terme è la città dove si gioca più in assoluto sul nostro territorio mentre quella di Prato è la provincia dove si spende maggiormente addirittura a livello nazionale. Siena invece è quella più virtuosa tra le toscane.

Sono soltanto alcuni dei dati che emergono dalle ultime rivelazioni statistiche sul fenomeno "gambling" per quanto riguarda la Toscana e che devono assolutamente far riflettere visto che va pure ricordato come l'Italia sia il paese dell'Unione Europea si giochi più d'azzardo , nonostante i limiti quasi assoluti imposti alla promozione del gioco d'azzardo che nell'UE sono condivisi soltanto da un'altra nazione, la Lituania.

Meno agenzie e più online anche in Toscana

Il trend più recente nell'ambito del fenomeno è indubbiamente il passaggio di molti utenti da agenzie e corner sul territorio ad i casinò online , sempre aperti 24 ore su 24, raggiungibili facilmente da casa con un qualsiasi tipo di dispositivo collegato ad Internet e con svariati tipi bonus di benvenuto che fanno da incentivo a chi voglia provarli per la prima volta.

La situazione viene certificata, così come nel resto d'Italia dalla riduzione di punti gioco e scommesse in tutte le province toscane nel passaggio dal 2018 al 2019 con l'eccezione di Grosseto dove il numero è rimasto invariato. In totale nella Regione sono diminuite di 24 unità i luoghi dove giocare d'azzardo con Prato che fa segnare la diminuzione maggiore (-5) seguita a pari merito da Firenze, Massa Carrara e Siena dove il calo è stato pari a quattro attività commerciali.

Il problema della ludopatia rimane: l'intervento regionale

Che si giochi in attività commerciali o su portali on line specializzati, il problema del GAP, acronimo che sta per gioco d'azzardo patologico chiamato anche ludopatia rimane. La Regione Toscana si è già mossa con la promulgazione di una legge ad hoc sul tema nel 2018 che è stata rifinanziata con 6 milioni di euro alla fine dello scorso anno dalla giunta regionale.

La legge ha previsto la creazione di Osservatorio regionale sul fenomeno della dipendenza da gioco per monitorare il fenomeno e formulare proposte di intervento oltre a porre delle distanze precise per la presenza di sale da gioco da vari tipi di luoghi ritenuti sensibili.

Previste anche attività di prevenzione e sensibilizzazione sul tema da svolgere in particolare nelle scuole e finanziamenti per attività di recupero delle persone già cadute nel tunnel del gioco patologico. La legge riprende anche una disposizione già attiva dal 2014 che prevede la maggiorazione dell’aliquota IRAP (imposta regionale sulle attività produttive) per gli esercizi pubblici e commerciali e circoli privati in cui sono presenti apparecchi da gioco ed invece una riduzione per quelli che li dismettono.

Ludopatia in Toscana: i numeri


Per comprendere la gravità del fenomeno ludopatia, aiutano i numeri svelati dall'ARS, l’agenzia regionale di sanità, che stima come siano affetti da problemi legati al gioco d'azzardo patologico tra lo 0.5 e lo 0.76 percento della popolazione regionale toscana . A rendere ancora più grave questo numero il fatto che sia nella fascia d'età adolescenziale, nonostante il gioco d'azzardo in tutte le sue forme sia vietato ai minori di 18 anni su tutto il territorio nazionale ed ovviamente anche on line, il picco dei casi problematici oltre ad una possibile sottostima della percentuale per via del fatto che spesso sono difficili da individuare i soggetti con problemi di ludopatia se non si rivolgono ad alcuna struttura.

Per fortuna su tutto il territorio, crescono le associazioni ed i progetti che si occupano di questa problematica e sono sempre di più i centri di ascolto pronti ad ascoltare ed aiutare le persone in difficoltà sia nei grandi centri che in provincia.



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

CORONAVIRUS

Attualità