Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 08:14 METEO:FIRENZE12°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
sabato 06 marzo 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Sanremo, Achille Lauro vestito da sposa bacia Boss Doms e duetta con Fiorello

Cronaca mercoledì 11 gennaio 2017 ore 13:15

I milioni a nero del trio calabrese

Servizio di Dario Pagli

Enormi investimenti immobiliari e redditi dichiarati quasi nulli hanno portato al sequestrio di beni per cinque milioni da parte della Dia



FIRENZE — Sono stati i movimenti di capitali e gli investimenti immobiliari milionari nascosti dietro a redditi dichiarati quasi nulli a scoperchiare il vaso che ha portato all'inchiesta coordinata dalla Procura di Firenze e sfociata nel sequestro preventivo di beni per 5 milioni di euro ai tre imprenditori calabresi Giuseppe Iuzzolino, Martino Castiglione e Vincenzo Benincasa. Tutte e tre sono originari di Strongoli, in provincia di Crotone ma da anni sono radicati in Toscana. 

I sequestri, infatti, sono stati eseguiti tra Firenze, Prato e Pistoia e hanno riguardato 9 società, 19 immobili, 5 auto, una moto e 40 tra conti correnti e libretti di deposito. 

Il fulcro delle attività illecite del terzetto, come spiega il Tribunale di Firenze nel provvedimento di sequestro, risulta essere la Sira Costruzioni, costituita nel 2002 con sede a Strongoli di cui Iuzzolino, insieme alla moglie, alle due figlie e al genero, detiene il 50 per cento del capitale. Il resto, invece, è suddiviso tra  Castiglione, Benincasa e i loro familiari. A far scattare i sospetti è stato il pagamento in contanti e senza richiesta di finanziamento di un milione e trecentomila euro per l'acquisto, da parte dell'azienda, di un terreno a Prato per la costruzione di 66 appartamenti.

Nell'inchiesta, che vede i tre imprenditori indagati tra gli altri reati per associazione a delinquere finalizzata al riciclaggio, sono finite molte società, tra cui note pizzerie, bar e pasticcerie a Firenze e Prato. Particolare attenzione è stata rivolta da parte degli investigatori alle movimentazioni bancarie dei tre. Alla fine è emerso che sui conti correnti personali dei tre e dei familiari sono stati versati dal 2009 al 2014 soldi per oltre un milione di euro. 

Dalle indagini sono emersi anche contatti tra i tre indagati e la criminalità organizzata calabrese. In particolare sono stati accertati contatti con gli appartenenti alla 'ndrina Giglio di Strongoli.  

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Cronaca