Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 18°21° 
Domani 19°31° 
Un anno fa? Clicca qui
martedì 20 agosto 2019

Attualità lunedì 28 dicembre 2015 ore 11:57

I risparmiatori assaltano Banca Etruria

Le vittime del salva banche hanno cercato di entrare dentro la sede centrale dopo aver colpito con pugni più volte la porta a vetri d'ingresso



AREZZO — Al grido di "ladri", "ladri", un gruppo degli ex obbligazionisti ha provato a forzare anche il secondo accesso dopo aver guadagnato l'atrio, ma non è riuscito ad entrare fino nella sede della banca. I contestatori sono stati circondati dalle forze dell'ordine e la strada dove si trova la banca è bloccata dai vigili urbani.

Una cinquantina di risparmiatori del comitato "Vittime del salva-banche" hanno protestato davanti alla sede centrale di Banca Etruria ad Arezzo. Gli ex obbligazionisti di Banca Etruria, che hanno perso i loro soldi, sono arrivati per protestare contro quella che definiscono "una truffa" ai loro danni.

I risparmiatori hanno cercato di entrare dentro la sede centrale dopo aver colpito con pugni più volte la porta a vetri d'ingresso.

Il Codacons ha espresso pieno appoggio ai risparmiatori che oggi sono scesi in piazza ad Arezzo per protestare contro il decreto salva-banche e ha annunciato che a inizio 2016 partiranno le prime cause risarcitorie. L'associazione ha programmato per i prossimi giorni nuove iniziative e altre mobilitazioni dei risparmiatori in varie città italiane, contro il salvataggio di Banca Marche, Banca Etruria, Carife e Carichieti

"Le nostre iniziative a tutela dei risparmiatori non si fermano però alle proteste di piazza - spiega il presidente Carlo Rienzi -. Stiamo infatti definendo le prime cause risarcitorie che partiranno a inizio 2016, attraverso le quali gli investitori che hanno visto azzerati i propri risparmi chiedono il rimborso integrale delle obbligazioni subordinate, vendute in modo truffaldino senza adeguate informazioni sui rischi e in mancanza di avvisi alla clientela circa lo stato di dissesto degli istituti emittenti". "Questo perché riteniamo che l'arbitrato voluto dal Governo non sia una strada percorribile, poiché non si possono dividere i risparmiatori in "buoni e cattivi", e gli indennizzi spettano indistintamente a tutti devono essere integrali - prosegue Rienzi -. Tuttavia quei risparmiatori che decideranno di partecipare all'arbitrato, per quanto sia uno strumento sbagliato e discriminatorio, devono essere pienamente tutelati: proprio per questo abbiamo chiesto la presenza di un rappresentante Codacons alla procedura".



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Cronaca

Cronaca