Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:30 METEO:FIRENZE8°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
venerdì 27 gennaio 2023
Tutti i titoli:
corriere tv
Il porno di Houellebecq

Attualità venerdì 13 giugno 2014 ore 13:22

Il caso Prato arriva a Palazzo Chigi

Rossi soddisfatto per l'esito del tavolo Prato a Roma - intervista

Renzi ha aperto il tavolo sulle misure contro l'economia cinese illegale. Presenti il sottosegretario Lotti, il governatore Rossi, il sindaco Biffoni



ROMA — ''Oggi abbiamo discusso e approfondito questioni importanti per la realtà pratese - ha dichiarato dopo l'incontro il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Luca Lotti - come sicurezza, mediazione linguistica, istruzione, rilancio economico. E' un nuovo metodo di lavoro: governo unito e compatto per lavorare fianco a fianco con i territori e in particolare con i sindaci''. 

Lotti ha sottolineato la specificità di Prato dove il 18% della popolazione residente è di origine straniera e il distretto industriale è formato da piu' di 5000 aziende con titolare straniero'.

All'incontro hanno partecipato anche il ministro per gli affari regionali Maria Carmela Lanzetta e il sottosegretario allo Sviluppo economico, Andrea Giacomelli.

''Dalla fine di giugno dispieghermo un'azione pesante di controlli e verifiche - ha sottolineato il presidente della Regione Enrico Rossi - ma al tavolo di stamattina abbiamo propodto anche un patto di fiducia con le aziende cinesi che vogliono emergere''.

Dopo l'incendio che lo scorso dicembre causò la morte di 7 lavoratori cinesi, Regione ed enti locali hanno  affrontato anche la questione dei cosiddetti 'capannoni alveare', luoghi in cui i dipendenti vivono e lavorano in condizioni igieniche precarie e senza i requisiti di sicurezza. Per contrastare questo fenomeno, la Regione e il Comune hanno messo in campo una task force composta da forze dell'ordine e ispettori delle Asl nell'ambito di un progetto denominato  "Lavoro sicuro": Entro il 2015 verranno sottoposte a controllo 4.400 delle 7.700 aziende cinesi attive a Prato, Empoli, Firenze e Pistoia, con un ritmo di ispezioni 5 volte superiore a quanto previsto dalla legge nazionale.

Guarda il video con le richieste del sindaco di Prato, Matteo Biffoni al Governo


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Le richieste di Biffoni a Renzi sul "caso Prato" - intervista
Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno