Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 15:50 METEO:FIRENZE11°14°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
venerdì 09 dicembre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Il video dello scambio in aeroporto tra Brittney Griner e Viktor But

Lavoro lunedì 21 ottobre 2019 ore 17:12

Il giudice reintegra il dipendente licenziato

La vicenda riguarda un lavoratore di MediaWorld. Filcams Cgil: "Il giudice ha considerato il licenziamento un provvedimento sproporzionato"



FIRENZE — Era stato licenziato per la segnalazione di un cliente ma il tribunale lo ha reintegrato riconoscendogli anche un risarcimento. A rendere nora la vicenda è la Filcams Cgil. 

"Tempo fa abbiamo preso in carico la vicenda di un dipendente MediaWorld licenziato in tronco dall'azienda dopo oltre 10 anni di servizio - spiega il sindacato in una nota - Anni di lavoro nei quali il lavoratore ha sempre svolto con attenzione e senso del dovere la propria mansione, tanto da non aver ricevuto mai nessuna contestazione in nessuna forma. Purtroppo, a seguito di una controversa segnalazione giunta da un cliente, il lavoratore è stato licenziato in malo modo e ha deciso di rivolgersi alla Filcams Cgil". 

"Dopo alcuni mesi e dopo alcune udienze, il Tribunale di Firenze ha riconosciuto la natura sproporzionata del provvedimento e ha condannato l'azienda a pagare un risarcimento economico al lavoratore, riconoscendo dunque la scorrettezza del provvedimento stesso - scrive ancora il sindacato - Come Filcams Cgil riteniamo che questa sentenza rappresenti un messaggio per tutti i lavoratori della multinazionale che, da anni, vivono condizioni di tensione e incertezza; ma rappresenta anche un messaggio a MediaWorld che, nei prossimi mesi, dovrà riflettere sul proprio operato e sulla logica di alcune scelte".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno