Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 15° 
Domani 13° 
Un anno fa? Clicca qui
martedì 18 febbraio 2020

Cronaca sabato 18 aprile 2015 ore 16:40

In aula le immagini choc del massacro di Natale

Prima udienza del processo sull'uccisione di Andrea Fruzzetti e Enrico Baria. No alla richiesta di perizia psichiatrica per l'imputato Andrea Mazzi



MASSA — La macchie di sangue sui marciapiedi, le auto distrutte durante la rissa, il coltello "alla rambo" divenuto l'arma del duplice delitto, e i corpi senza vita dei due giovani. Immagini di fronte alle quali non ce l'hanno fatta a reggere l'emozione i genitori di Andrea Fruzzetti e Enrico Baria, e sono usciti dall'aula: troppo crude ed esplicite le fotografie mostrate oggi dal pm Rossella Soffio, sull'aggressione a colpi di coltello in cui i due ragazzi (rispettivamente 21 e 30 anni) sono rimasti uccisi la notte del 25 dicembre del 2013 a pochi passi dal centro cittadino.

Per quelle morti oggi si è aperto il processo di fronte alla Corte d'assise di Massa che vede come imputato è un altro giovane, Andrea Mazzi, oggi 24 anni, accusato di duplice omicidio volontario. Nel corso dell'udienza, l'accusa ha mostrato al tribunale una prima parte del materiale video e fotografico raccolto quella notte: dalle immagini si evidenziano i segni delle due coltellate risultate letali per Fruzzetti e i sette colpi inferti sul corpo di Baria.

La difesa ha chiesto alla corte di ammettere a processo la perizia psichiatrica che proverebbe l'incapacità di intendere e di volere dell'imputato al momento dell'omicidio, ma la richiesta è stata rifiutata. Alla richiesta si era opposta l'accusa, secondo cui dal quadro clinico emerso dopo l'aresto, non sarebbe stato rilevato alcun indizio di infermità mentale.



Tag

Sicurezza, Zingaretti: "Lamorgese a lavoro su decreti veri, non propaganda"

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cultura

Cronaca

Politica