Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:00 METEO:FIRENZE16°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
giovedì 25 aprile 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Atleta iraniano di MMA prende a calci ragazza che non indossa il velo

Attualità mercoledì 01 febbraio 2023 ore 13:00

Inchiesta Keu, la Regione di costituirà parte civile

Una manifestazione dei cittadini per chiedere chiarezza sulla vicenda Keu - foto di repertorio
Una manifestazione dei cittadini per chiedere chiarezza sulla vicenda Keu - foto di repertorio

Approvata la mozione presentata dalla 5Stelle Galletti. Monni: "Dobbiamo fare di tutto perchè a pagare sia chi ha inquinato e non i cittadini toscani"



FIRENZE — La Regione Toscana si costituirà parte civile nell'eventuale processo che scaturirà dall'inchiesta sullo smaltimento illecito del keu, un rifiuto speciale che si produce dall'attività delle concerie (vedi qui sotto gli articoli collegati). La conferma è arrivata dall'approvazione in Consiglio regionale con 26 voti a favore e nessun contrario di una mozione presentata dalla consigliera 5 Stelle Irene Galletti. La mozione impegna la Giunta regionale a riferire in Consiglio “sull’effettiva costituzione di parte civile a suo tempo annunciata, illustrando come intende rivalersi sui responsabili per i costi e le conseguenze dirette e indirette che gli sversamenti di Keu hanno avuto e avranno sui cittadini toscani, sulla loro salute, nonché sul territorio, ambiente ed economia”.

L'assessora regionale all'ambiente Monia Monni ha consegnato ai consiglieri in elenco dettagliato degli interventi messi in atto dalla Regione fino a questo momento nella vicenda Keu in risposta a un’interrogazione in merito del consigliere Francesco Gazzetti (Pd). 

L'assessora Monni, rispondendo in aula, ha sottolineato come “le bonifiche non sono interventi né facili veloci da fare, è inutile prendere in giro i cittadini, le procedure e le istruttorie sono complicate”. 

“Servono realismo e pragmatismo - ha detto l'assessora - e la Regione ha provato ad aggredire da subito i soggetti responsabili delle contaminazioni, perché sono loro che devono pagare e non i cittadini”.

Monni ha ribadito che la Regione è in attesa da un anno del decreto del governo nazionale per la nomina della struttura commissariale esterna che attuerà le bonifiche.   Monni ha ricordato anche che, dopo che nel 2021 è scoppiato il caso Keu, la Regione si è attivata subito per gli adeguati controlli e per tutelare la salute e l’ambiente, attuando monitoraggi sui pozzi adiacenti, campagne di controllo, creando task force dedicate, fornendo supporto alle amministrazioni comunali, facendo partire uno studio per capire il comportamento del Keu nel tempo. 

“Dobbiamo fare di tutto perché a pagare sia chi ha inquinato e non i cittadini toscani - ha detto l'assessora - la pubblica amministrazione può intervenire solo di fronte all’inerzia di chi deve effettuare i ripristini, e ricordando che la Regione ha già stanziato fondi a cui se ne aggiungeranno altri in sede di prossima variazione di bilancio".

Quanto alla possibilità dell’esistenza di ulteriori siti contaminati da Keu, Monni ha dichiarato che “la Regione da tempo, con Arpat e con l’autorità giudiziaria, sta conducendo ricognizioni”.

“Faccio un appello a tutte le forze politiche - ha concluso - perché sollecitino una rapida risposta governativa”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno