Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi -2°4° 
Domani -5°7° 
Un anno fa? Clicca qui
mercoledì 12 dicembre 2018

Lavoro martedì 23 ottobre 2018 ore 17:34

Kme, accordo per il rilancio della produzione

L'intesa siglata dalla direzione del gruppo e dai sindacati prevede il rilancio degli stabilimenti di Firenze, Fornaci di Barga e Serravalle Scrivia



FIRENZE — Dopo un lungo negoziato è stata siglata un’ipotesi di accordo tra la direzione aziendale Kme, le organizzazioni sindacali e le Rsu degli stabilimenti di Firenze, Fornaci di Barga e Serravalle Scrivia. L’intesa conferma il rilancio dei siti produttivi in Italia, precisando che il core business dell’azienda rimane la metallurgia e definendo gli investimenti in tutto il gruppo.

A darne notizia è il coordinamento nazionale Fiom Uilm per il gruppo Kme con una nota.

Per quanto riguarda la fabbrica di Fornaci di Barga, sono previsti aumenti dei volumi produttivi e di fatturato, il potenziamento delle linee di fusione e colata di rame, un progetto per la produzione di energia, la creazione di un polo accademico e la ripresa dell’attività di ricerca e sviluppo.

Per il sito di Serravalle Scrivia è prevista la specializzazione dello stabilimento nel settore barre e l’aumento dei volumi produttivi, accompagnati da specifici investimenti.

Il sito di Firenze viene confermato centrale e con un ruolo internazionale di centro servizi e amministrativo. A Firenze verrà inoltre realizzata una mensa interna aziendale.

Vi saranno poi nella sede Em Moulds (lingottiere) di Fornaci di Barga specifici investimenti.

"E’ stato concordato un impegno sulla gestione degli esuberi per ridurre l’impatto sociale al minimo e volto al reintegro di tutti i lavoratori, con una conduzione degli ammortizzatori sociali in una rapporto tra azienda e Rsu - si legge in una nota dei sindacati -  E’ stato altresì definito un premio di risultato triennale con l’obiettivo di riconoscere miglioramenti economici per i lavoratori e confermato un premio di 500 euro annuo. L’accordo prevede clausole di garanzia dove l’azienda si impegna a non spostare attività che implichino la perdita di volumi produttivi e viene confermata la commissione economica congiunta al fine di monitorare l’andamento aziendale". 

"Riteniamo questa ipotesi di accordo molto importante e fondamentale per gli stabilimenti italiani ed i lavoratori del gruppo - scrivono Fiom e Uilm - Nelle prossime settimane verranno fatte le assemblee per illustrare i contenuti dell’intesa che poi verrà sottoposta a referendum tra i lavoratori del gruppo Kme".



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Attualità

Cronaca