Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 12:15 METEO:FIRENZE15°26°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
lunedì 03 ottobre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Alessia Piperno, la ragazza romana arrestata in Iran. I video da Teheran condivisi sui social

Lavoro martedì 22 aprile 2014 ore 19:17

La Regione accelera sulla riconversione della Lucchini

Rossi lancia un ultimatum su Twitter al Governo affichè prenda di petto la situazione e garantisca i fondi necessari alla sopravvivenza dell'azienda



FIRENZE — "O lo Stato e il Governo garantiscono 50 milioni o non firmo nessun accordo". Il presidente della Regione, Enrico Rossi, affida a Twitter il suo sfogo sulla situazione di incertezza che sta vivendo la Lucchini in questi giorni alla luce dell'imminente spegnimento dell'altoforno e delle difficoltà di riavviare un processo di riconversione. Rossi ha infatti lanciato l'hashtag #Piombinonondevechiudere, ribadendo però in tandem con l'assessore regionale alle attività produttive, Gianfranco Simoncini, l'intenzione della Regione di confermare i suoi impegni. 

Impegni come quello di mettere a disposizione 60 milioni dal proprio bilancio, che si aggiungono ai 50 già previsti per l'ampliamento del porto. Altrettanto però dovrà fare il Governo.
"Chiediamo garanzie - ha detto Simoncini, al termine dell'incontro che si è svolto nel palazzo comunale di Piombino -  per l'impiego prioritario dei lavoratori Lucchini per opere di bonifica, lavori di messa in sicurezza, smantellamenti.

L'assessore ha poi invitato i rappresentanti delle aziende dell'indotto a fronteggiare le eventuali criticità facendo ricorso agli ammortizzatori sociali più tutelanti nei confronti dei lavoratori, riconfermando la piena disponibilità della Regione ad utilizzare tutti gli strumenti a disposizione per sostenere lo sforzo delle aziende, a cominciare dal finanziamento di progetti di formazione e aggiornamento.
Al termine della riunione è stato concordato che il tavolo si riunirà non appena verrà firmato l'accordo di programma per Piombino.
Nel frattempo si è appreso che Paolo Francini, l'operaio che da 48 ore era in sciopero della fame davanti alla portineria della fabbrica, ha concluso la sua protesta. "Ho passato ore abbastanza intense - ha commentato Francini - ma credo ne sia valsa la pena e comunque non sono mai stato solo. Sindacati e lavoratori erano con me". 


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Ti potrebbe interessare anche:

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
L'hanno trovato nella notte accasciato su una panchina. Sul posto carabinieri e soccorritori del 118. E' stato intubato, poi la corsa in ospedale
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Attualità