Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 00:05 METEO:FIRENZE15°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
giovedì 04 marzo 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Sanremo, Laura Pausini si commuove dopo la vittoria del Golden Globe: «Sono molto emozionata»

Attualità mercoledì 23 dicembre 2020 ore 23:11

L'indice Rt sale ancora, Veneto in crisi, Toscana virtuosa

persone con la mascherina
persona con la mascherina

Lo si legge nella bozza del nuovo monitoraggio settimanale dell'Istituto superiore di Sanità sull'epidemia. Cinque regioni ad alto rischio Covid



ROMA — Le restrizioni si sono allentate e la diffusione del SarsCov2 in alcune regioni italiane ha ripreso quota.

Con un giorno di anticipo visto che venerdì è Natale, è stata diffusa la bozza del nuovo monitoraggio dell'Istituto superiore di sanità sull'andamento dell'epidemia di Covid e il dato che salta all'occhio è il nuovo aumento dell'indice Rt di trasmissione del contagio: per la seconda settimana consecutiva è cresciuto passando da 0,86 a 0,90 (il limite massimo di sicurezza è 1 ovvero un positivo al Covid che contagia solo un'altra persona).

Due le regioni con Rt superiore a 1: il Veneto (1,1 contro l'1,01 della scorsa settimana) e il Molise (1,02 contro l'1,48 di sette giorni fa).

Considerando anche tutti gli altri parametri, sono 5  le regioni considerate ad alto rischio: il Veneto, la Puglia, l'Umbria, la Liguria e le Marche

Il rischio resta moderato per altre 12, fra cui Emilia Romagna, Molise, Provincia autonoma di Trento e Valle d'Aosta considerate dagli esperti dell'Iss con un'elevata probabilità di veder peggiorare la situazione. 

Rischio basso infine per le quattro rimanenti, fra cui la Toscana, una delle regioni che con più efficacia è riuscita ad abbattere la curva del contagio dopo il picco della seconda ondata, grazie alle strategie messe in atto come il tracciamento del 100% dei contatti dei positivi e l'apertura del Centro Covid di Prato ma anche per la prolungata permanenza prima in zona rossa e poi in zona arancione (40 giorni in tutto, con le rigide misure di contenimento del contagio conseguenti).

Sono ancora 13 le regioni oltre la soglia massima di sicurezza sul fronte dei ricoveri in ospedali. Fra queste non c'è più la Toscana, finalmente nei limiti di sicurezza sia per i ricoveri nei letti Covid 'ordinari' che per quelli di terapia intensiva (seppure, in quest'ultimo caso, rimanendo vicinissima alla percentuale massima di occupazione dei posti letto consentita, il 30%).

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

CORONAVIRUS