Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 22:53 METEO:FIRENZE13°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
lunedì 01 marzo 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Milano, rissa scoppiata alla Darsena tra lanci di bottiglie e scazzottate

Cronaca giovedì 28 settembre 2017 ore 17:50

Dalla Cina con furore per evadere i dazi

Doppia operazione dell'Agenzia delle Dogane che ha controllato due carichi di fibre di vetro e piastrelle. Raffica di multe e denunce per contrabbando



LIVORNO — Al centro dell'operazione dell'Agenzia delle Dogane di Livorno c'è la lotta all'evasione dei dazi antidumping, quelli cioè imposti per evitare che i prodotti siano esportati a un prezzo inferiore rispetto a quello praticato nei paesi di origine. 

Nel primo caso i funzionari hanno individuato un traffico di fibre di vetro che risultavano originarie degli Emirati Arabi ma che in realtà erano prodotte in Cina e per questo soggette a un dazio pari al 62,90 per cento del valore. Alla fine due persone, al vertice di un'azienda importatrice di Genova, sono state denunciate per contrabbando aggravato e falso. Per sole quattro spedizioni erano stati evasi diritti doganali per circa 60mila euro. Senza contare le penalità che vanno da un minimo di 120mila euro a un massimo di 600mila. 

La seconda operazione invece ha riguardato un carico di 1030 cartoni provenienti dalla Cina e diretti al cui interno, stando alla dicitura riportata sulla merce, c'erano pietre da taglio e da costruzione. Quelle all'interno, invece, erano piastrelle in ceramica di ottima fattura e soggette a dazio antidumping pari al 69,70 per cento del valore dichiarato. Risultato: diritti in più riscossi per cinquemila euro e  sanzione di trentamila.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

CORONAVIRUS