Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:40 METEO:FIRENZE16°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
mercoledì 21 febbraio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Con le pistole in pugno rubano tutte le borse del negozio di Gucci a Manhattan

Cronaca domenica 04 dicembre 2022 ore 18:50

Rapinano l'anziano e lo scaraventano giù dal furgone della frutta

Un diabolico trucco quello del furgone della frutta con il quale raggirare gli anziani per rapinarli, è quanto emerso dalle indagini dei carabinieri



LIVORNO — Avrebbero adescato un anziano che stava rincasando e dopo che l'uomo si è accorto del raggiro lo avrebbero scaraventato giù dal furgone, i carabinieri hanno arrestato due uomini di origini campane di 28 e 30 anni gravemente indiziati di aver rapinato un anziano per strada a Livorno.

La violenta quanto rocambolesca rapina è andata in scena lo scorso Ottobre in Borgo San Jacopo dove un uomo di 83 anni è stato rapinato con la scusa di vendere una cassetta di frutta a 10 euro.

Secondo quanto ricostruito dagli inquirenti i due si sarebbero finti venditori ambulanti di frutta e verdura aggirandosi a bordo di un furgone bianco per le vie di Livorno alla ricerca di vittime, così che avrebbero adescato l'83enne che stava rincasando ed avrebbero fatto in modo che l’anziano prendesse il portafogli per pagarli, e a quel punto glielo avrebbero strappato dalle mani per risalire poi sul furgone. L'uomo però ha cercato di reagire salendo anche lui sul furgone e tentando di spegnerlo prendendo le chiavi dal quadro, ma i due avrebbero reagito violentemente spingendolo fuori dal mezzo già in corsa, e facendolo così cadere sull'asfalto. L’anziano è stato subito soccorso da alcuni passanti e portato in pronto soccorso dove è stato dimesso con sette giorni di prognosi.

L’indagine ha permesso grazie alle telecamere della zona e delle testimonianze di persone che avevano assistito all’accaduto, di identificare il furgone e seguire il suo percorso dopo il reato. Sono poi stati individuati i presunti responsabili che infine sono stati arrestati dai carabinieri uno a Follonica e uno a Caivano in provincia di Napoli, e trasferiti in carcere.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno