Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 09:26 METEO:FIRENZE23°37°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
sabato 31 luglio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Lombardia, Bertolaso: «Tra i vaccinati con doppia dose zero morti da variante Delta»

Cronaca mercoledì 22 febbraio 2017 ore 18:10

Trentamila euro per sposarsi per finta

Arrestate quattro persone, tre donne e un uomo. Organizzavano matrimoni di comodo tra kosovari e sinti. L'obiettivo era il permesso di soggiorno



LUCCA — Lo scenario del matrimonio di comodo era questo: le ragazze, tutte di origini sinti, arrivavano in comune, si sposavano senza proferire parola con il kosovaro di turno, dopodiché tornavano alla loro vita e, eventualmente, ai loro compagni.

In totale i matrimoni combinati sarebbero stati una decina, tra Lucca e Capannori. Il primo si è celebrato nel luglio 2015 nel capoluogo.

Gli immigrati dal Kosovo erano disposti a pagare anche 25-30mila euro per celebrare questi matrimoni. L'obiettivo era quello di ottenere, appunto, i permessi di soggiorno.

Una volta che erano regolari potevano raggiungere tranquillamente la svizzera dove c'è una numerosa comunità kosovari.

L'operazione chiamata Promessi sposi è stata condatta dalla squadra mobile di Lucca. Ci sono stati quattro arresto con l'accusa di associazione a delinquere finalizzata al favoreggiamento dell'immigrazione clandestina.

Da quanto si apprende le finte mogli sarebbero tutte di origine sinti, di giovane età e reclutate tra Lucca e Prato. Alle donne sarebbe andato un compenso tra quattro e seimila euro. Per le finte spose è scattata una denuncia per favoreggiamento dell'immigrazione clandestina in concorso.

L'indagine è coordinata dal sostituto procuratore di Lucca Antonio Mariotti ed è iniziata da una segnalazione di un uomo della Criminalpol al lavoro in Kosovo.

Si apprende che Lulzim Gashi, 37 anni kosovaro e Olha Derevoriz, 24 anni ucraina, entrambi residenti a Treviso, avrebbero cercato in Kosovo uomini disposti a pagare per rifarsi una vita. La strada più veloce è quella del matrimonio di comodo. Gashi e Derevoriz sono stati arrestati.

A reclutare le spose avrebbero pensato due donne, Jennifer Monini, 27 anni e Meghi Reinar 33 anni, residenti tra le province di Lucca e Prato. Anche loro sono state arrestate.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
E’ di Francesco Pantaleo, il ragazzo di Marsala scomparso a Pisa, il cadavere carbonizzato trovato sul ciglio di un fossato ad Orzignano nel Pisano
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

CORONAVIRUS

Cronaca