Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:30 METEO:FIRENZE23°35°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
sabato 13 luglio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
La ministra francese dello sport francese si tuffa nella Senna per rassicurare tutti in vista delle Olimpiadi: «È pulito»
La ministra francese dello sport francese si tuffa nella Senna per rassicurare tutti in vista delle Olimpiadi: «È pulito»

Attualità mercoledì 19 aprile 2017 ore 19:20

In marcia per Gabriele Del Grande libero

Mobilitazione per il reporter toscano trattenuto in Turchia dal 10 aprile. Alfano ha parlato con il ministro turco per il rilascio di Gabriele



LUCCA — E' partita la mobilitazione in tutta Italia per chiedere il rilascio di Gabriele Del Grande dopo il diniego delle autorità turche di farlo incontrare con la delegazione consolare italiana. Il documentarista e regista di origini lucchesi è trattenuto da 10 giorni in stato di fermo nel centro di detenzione di Mugla in Turchia.

Gabriele Del Grande quando è stato fermato si trovava in una zona di confine tra la Turchia e la Siria, ad Hatay, e stava raccogliendo alcune informazioni per scrivere un libro sulla nascita dell’Isis. Secondo le autorità turche non aveva i permessi per svolgere il suo lavoro. Solo ieri, dopo nove giorni di silenzio, è riuscito a contattare la compagna e la famiglia per dire che sta bene e annunciare l'inizio dello sciopero della fame.

E a Lucca centinaia di persone si sono ritrovate per la mobilitazione riunita sotto l’hashtag #iostocongabriele. Una marea che è partita da Lucca, città natale di Gabriele, ma è arrivata anche a Pisa, Torino e Milano, per chiedere che venga subito liberato dallo Stato Turco. 

Alla manifestazione sotto al loggiato di Palazzo Pretorio a Lucca anche il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi e il sindaco di Lucca Alessandro Tambellini.

Intanto dalla Farnesina arriva la notizia, che il ministro degli esteri Angelino Alfano è riuscito a parlare con il ministro turco Mevlut Cavusoglu: "Ho ribadito - ha detto Alfano - la nostra ferma richiesta per il rilascio immediato di Gabriele Del Grande", e ha aggiunto di aver ricevuto il "massimo impegno" dal governo turco sul fatto che "le procedure verranno concluse al più presto". 

"La vicenda procedurale in corso  - ha aggiunto Alfano - non può in alcun modo impedire l'assistenza legale e ogni forma di sostegno e assistenza a Gabriele Del Grande. Io ho chiesto che il tutto venga concluso nei termini più rapidi possibili e abbiamo chiesto ulteriormente che sia fornita tutta l'assistenza consolare e legale". 

In Turchia, il dossier viene considerato "di massima sensibilità". A suggerire che le procedure per il rimpatrio del reporter "potrebbero essere non brevi" è il presidente della Commissione diritti umani, Luigi Manconi, secondo cui nelle presunte accuse a carico di Del Grande, tuttora non formalizzate, sarebbero emersi "profili di sicurezza nazionale". Per questo, spiega Manconi, che si è fatto portavoce anche dei familiari, "oggi è indispensabile una mobilitazione" e "una stretta alleanza con le istituzioni per restituire Gabriele alla libertà".

E in tutta Italia si moltiplicano le mobilitazioni e i cortei per Gabriele Del Grande, e sabato tocca a Palermo. L'iniziativa si svolgerà a partire dalle 16 ai cantieri culturali della Zisa. A intervenire saranno Alessio Genovese, reporter che ha collaborato in diverse occasioni con Del Grande, e Riccardo Noury, portavoce di Amnesty International Italia. L'iniziativa si svolgerà durante la seconda giornata di "Diritti in cantiere" organizzata da Amnesty International Italia.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno