Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 16:27 METEO:FIRENZE22°34°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
venerdì 21 giugno 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Buffon e la sconfitta dell’Italia: «Ieri un riscontro che non ci aspettavamo. Ecco cosa faremo contro la Croazia»
Buffon e la sconfitta dell’Italia: «Ieri un riscontro che non ci aspettavamo. Ecco cosa faremo contro la Croazia»

Cronaca mercoledì 30 marzo 2022 ore 19:25

Il caro estinto al centro del giro di raccomandazioni

bara

Sospesi 2 dipendenti di strutture sanitarie, accusati di aver orientato i familiari di alcuni deceduti nella scelta delle agenzie di pompe funebri



PROVINCIA DI LUCCA — Il dolore per la perdita di un congiunto e lo sbigottimento conseguente: in momenti come questi un aiuto nell'organizzazione di cose pratiche come i funerali può essere ben accetto. Ed era in quell'intercapedine di temporanea fragilità che si sarebbero inseriti un paio di  dipendenti di strutture sanitarie della provincia di Lucca per suggerire, in accordo con imprese di onoranze funebri, con chi organizzare le esequie del congiunto deceduto, inducendoli a scegliere alcuni operatori piuttosto che altri.

Le manovre alla fine hanno dato nell'occhio e sono divenute oggetto di un esposto presentato alla procura di Lucca. Le indagini che ne sono seguite hanno portato stamani all'esecuzione di misure cautelari nei confronti di un medico in servizio presso una struttura privata per abuso di ufficio, di un necroforo dipendente di una struttura pubblica per abuso di ufficio e violazione del dovere di imparzialità, riservatezza e correttezza, del contitolare e di un collaboratore di un'agenzia di onoranze funebre accusati di aver corrotto il medico per avere informazioni utili a ottenere gli incarichi per le esequie.

Per i primi due è scattata la sospensione dall'esercizio di servizi o funzioni pubbliche, per gli altri due invece l'obbligo di presentazione periodica alla polizia giudiziaria. Secondo le ipotesi al vaglio, uno degli indagati avrebbe anche esercitato abusivamente la professione sanitaria con l'aiuto di professionisti regolari.

Nel corso dell'inchiesta sono state effettuate 6 perquisizioni con conseguente sequestro di materiali informatici e di un ingente quantitativo di medicinali e presidi sanitari la cui provenienza è in fase di accertamento. I fatti contestati risalgono all'ultima parte del 2019 e al 2020.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno