Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 18°20° 
Domani 18°31° 
Un anno fa? Clicca qui
lunedì 26 agosto 2019

Politica martedì 24 novembre 2015 ore 16:50

M5S contro Borghi ma l'opposizione fa quadrato

Claudio Borghi Aquilini

I 5 Stelle propongono di abolire il portavoce dell'opposozione in Consiglio regionale ma Lega Nord, Forza Italia e Fratelli d'Italia lo difendono



FIRENZE — Il portavoce dell'opposizione nel Consiglio regionale toscano è Claudio Borghi Aquilini della Lega Nord, votato a suo tempo da tutte le forze politiche di minoranza ad eccezione del Movimento 5 Stelle. E proprio i 5 Stelle hanno proposto nei giorni scorsi l'abolizione di questa figura dallo Statuto regionale, definedola "una voce di spending review da tagliare subito" che "grava sul bilancio dell'ente per 100mila euro all'anno".

“La figura del portavoce dell’opposizione è inutile nel quadro politico attuale - hanno spiegato  i consiglieri M5S - Se poteva avere un senso nello vecchio scenario bipolare con minoranze monocolore di centrodestra, di certo oggi non lo ha più. Il Movimento 5 Stelle ha infatti inserito la terza scelta tra le finte due in perenne accordo-scambio, come testimoniano le nomine lottizzate che vediamo ogni giorno passarci sotto gli occhi". "Tra l’altro  l’attuale designato al ruolo, Claudio Borghi, non parla mai a nome dell’opposizione ma sempre a nome suo e a volte del suo gruppo d’appartenenza - concludono i consiglieri pentastellati - Aspetto inevitabile perché Borghi non rappresenta in alcun modo l’opposizione tutta dal momento che, senza scomodare altri, di certo non rappresenta il Movimento 5 Stelle, terzo gruppo politico in Consiglio regionale. Chiediamo quindi a tutte le forze politiche toscane un atto di coscienza e risparmio".

Il primo a replicare alla proposta del M5S è stato lo stesso Claudio Borghi Aquilini: "Trovo molto curioso che in una regione dominata da sempre dal Pd, il Movimento 5 Stelle abbia come priorità quella di zittire una voce aggiuntiva di opposizione - ha scritto Borghi in una nota - Rispettiamo il dramma di un partito che ha ottenuto un modesto risultato elettorale rispetto ai proclami della vigilia, ma non è con l'invidia che si impedirà di parlare a chi si è guadagnato sul campo i voti di secondo partito della Toscana. Neanche da ricordare poi che il portavoce dell'opposizione non costa un centesimo ai contribuenti toscani, come si può agevolmente verificare sul sito del Consiglio".

Poi sono scesi in campo i rappresentanti della stessa Lega, di Forza Italia e di Fratelli d'Italia.

"Il portavoce delle opposizioni è una voce in netta contrapposizione alla maggioranza, cioè al Pd - ha affermato il capogruppo della Lega Manuel Vescovi - Ricordiamo che, in tempi non sospetti, la Lega aveva proposto anche al Movimento 5 Stelle di sedersi ad un tavolo per dare maggiore peso alla figura del portavoce dell’opposizione. Risulta strano che il Movimento 5 stelle abbia come priorità quella di eliminare una figura di garanzia, ben rappresentata da Claudio Borghi. Ad ogni modo il Consiglio regionale ha già discusso nella scorsa legislatura l’eventuale abolizione della predetta figura, rimandando la facoltà, da parte del gruppo minoritario maggiormente rappresentativo, di istituire tale ruolo. Tra l’altro, nell’ottica della spending review, tale ruolo ha visto ridotte le sue dotazioni rispetto a quanto succedeva prima. In realtà, la figura del portavoce è un incentivo a costruire una coesione anche post-elettorale dei gruppi d’opposizione che vedono tra loro una linea politica a tratti omogenea. Ricordo che oggi l’insieme delle minoranze in Consiglio regionale, rappresenta la maggioranza degli elettori toscani".

"Io ho per fortuna due bimbi piccoli e proprio ieri sera ho avuto il piacere di leggergli la nota favola della Volpe e l’Uva - scrive invece il capogruppo di Forza Italia Stefano Mugnai - Se il portavoce delle opposizioni fosse stato un esponente del Movimento 5 Stelle, mi chiedo se si sarebbe concretizzata ugualmente questa presa di posizione contraria al ruolo, attualmente rivestito da Claudio Borghi. Credo invece che ogni energia dei singoli consiglieri d’opposizione debba essere utilizzata saggiamente per abbattere l’attuale potere incarnato dal Pd. Ricordo, inoltre, che molte cose rilevanti sono state fatte assieme dalla minoranza, come ad esempio quella contro la riforma della sanità taglia posti letto e professionisti targata Rossi e Pd. Il parere del sottoscritto e di Forza Italia nei confronti del Consigliere Borghi è, ad oggi, dunque, positivo".

"La figura del portavoce dell'opposizione è importante all'interno di meccanismi istituzionali in cui le minoranze sono sempre più penalizzate - ha concordato Giovanni Donzelli di Fratelli d'Italia - Abolirla rappresenterebbe un duro colpo al lavoro comune che, noi di Fratelli d'Italia insieme a tutte le altre opposizioni, stiamo facendo su alcuni temi per unire le forze in contrapposizione alle politiche del Pd. Un ruolo che Claudio Borghi sta rappresentando con grande capacità ed efficacia".

<

<>



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Cronaca

Cronaca