Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 14° 
Domani 12° 
Un anno fa? Clicca qui
giovedì 20 febbraio 2020

Attualità venerdì 31 ottobre 2014 ore 11:42

Maltempo e danni agricoltura: allarme risarcimenti

Il fondo nazionale per il 2014 coprirebbe solo il 2,2% del necessario. Appello della commissione del consiglio regionale alle aziende: "Assicuratevi"



FIRENZE — Nel 2014 i danni provocati dal maltempo ammonterebbero a 600 milioni di euro ma lo stanziamento da parte del Fondo nazionale di solidarietà sarebbe di appena 13 milioni, pari al 2,2%. Sono i dati emersi nel corso di una informativa della Giunta toscana sui danni alluvionali in agricoltura, a seguito dell’evento del 19 settembre scorso, illustrata in commissione Ambiente presieduta da Loris Rossetti (Pd).

Il resoconto, voluto dal presidente e dai consiglieri Aldo Morelli (Pd) e Antonio Gambetta Vianna (Più Toscana), disegna un quadro regionale difficile su cui la Giunta a guida Enrico Rossi è intervenuta in maniera tempestiva chiedendo subito lo stato di calamità naturale e ricorda come "solo aspetti limitati del danno possono dar seguito al fondo" mentre "il resto è coperto da provvidenze pubbliche che contribuiscono al pagamento delle polizze assicurative agevolate”.

Dall’informativa resa in commissione si è appreso che solo la provincia di Lucca ha concluso il dettaglio dei danni: 1milione e 166mila Euro per le produzioni, 1milione e 80mila per le strutture, 600mila per serre, tunnel con copertura in plastica e vetro, 150mila per distruzione di tralci o rami di vigneti e oliveti. Tutti danni assicurabili, però, e quindi inutili per l’attivazione del fondo nazionale. Su 2milioni e 200mila euro di danni, solo 330mila possono rientrare nelle spese non assicurabili e si parla di danni da erosione superficiale, smottamenti, danni alla viabilità poderale, opere di canalizzazione a livello aziendale (canali di scolo), scorte quali sementi, animali, terriccio, vasi.

Da qui il forte inciso, lanciato in commissione: “Le aziende devono assicurarsi, considerando anche il fatto che il contributo al pagamento del premio, pari al 65 per cento del costo della polizza, viene garantito dallo Stato. E finora la Toscana è sempre stata in grado di integrarlo con fondi propri”.

Ultimo riferimento della commissione, i rimborsi relativi alla siccità del 2012 su cui, è stato spiegato, "stiamo liquidando adesso il 4,05 per cento del danno”.



Tag

Giù le Vele di Scampia, ecco cosa resta del supermercato della droga più importante d'Europa

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Attualità

Attualità