Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:25 METEO:FIRENZE19°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
sabato 16 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Canarie: terremoto di magnitudo 4,5 provoca nuovo fiume di lava, altri 300 evacuati

Attualità giovedì 15 luglio 2021 ore 12:11

Il cuore in 3D con tecnica da primato europeo

L'équipe al lavoro
L'équipe al lavoro

La tecnica mini-invasiva e innovativa è stata sviluppata all'Ospedale del Cuore consente di osservare il cuore da dentro durante l'operazione



MASSA — La Monasterio punta dritto al cuore dell’avanguardia e sviluppa una nuova tecnica mini-invasiva innovativa: il primato europeo grazie al team del dottor Sergio Berti all’Ospedale del Cuore di Massa. Una nuova strategia di imaging intraoperatorio con ecografia intracardiaca tridimensionale. Tradotto: l’intuizione – e la capacità della immediata messa in atto – di acquisire le immagini in tre dimensioni direttamente dall’interno del cuore del paziente durante l’operazione.

Oltre al merito di aver sviluppato una tecnica all’avanguardia il team in sala, composto dai dottori Sergio Berti, Massimiliano Mariani, Luigi Pastormerlo e Andreina D’Agostino con il supporto tecnico dei team di ingegneri di Siemens Healt Care e di Edwards TMTT, è riuscito a rendere semplice qualcosa che invece, agli occhi di chi legge e per la mente di chi immagina, è estremamente complicato.

Il medico che utilizza tecniche minimamente invasive non ha la possibilità di vedere il cuore: per questo l’équipe necessita di acquisirne le immagini. Fino a pochi giorni fa, il passaggio eletto per l’imaging era quello transesofageo (passando, cioè, dall’esofago). In questo caso, il nostro team presente in sala di Emodinamica, tramite una sonda che fungeva da guida dell’intervento, rimossa poi al termine dell’operazione, ha acquisito le immagini direttamente dall’interno del cuore, e tridimensionali: più precise, accurate, affidabili e all’avanguardia.

"Un approccio straordinariamente innovativo – ha spiegato Berti, Direttore dell’Unità Operativa Cardiologia Diagnostica e Interventistica della Fondazione Monasterio – che consente di semplificare l’intervento, al tempo stesso aumentando in maniera significativa la precisione con cui il Cardiologo Interventista riesce a condurre l’intervento di riparazione della valvola tricuspidalica".

L'équipe al lavoro

L'équipe al lavoro

"L’introduzione di questa nuova tecnica di imaging – ha commentato Mariani, cardiologo dell’Ospedale del Cuore – apre nuovi scenari per i trattamenti transacatetere delle valvulopatie, ricordiamo, senza chirurgia, sempre più precisi e a bassa invasività. Mi aspetto che possa essere estesa anche ad altri scenari". Interventistica tailored, cioè cucita su misura delle esegenze del paziente, alta specialità, elevato expertise, multidisciplinarietà: questi i minimi denominatori comuni della Fondazione Monasterio anche in questo specifico caso, in cui il paziente, in età avanzata e già sottoposto in passato ad un intervento di cardiochirurgia, non avrebbe avuto altra possibilità se non quella di un intervento mini-invasivo.

«Siamo molto orgogliosi di questo ulteriore traguardo raggiunto dall’Ospedale del Cuore – ha concluso Marco Torre, direttore generale della Fondazione Monasterio. Il team è riuscito a prendersi cura del paziente nonostante l’alto rischio, e proprio grazie ad una tecnica sviluppata nel nostro Ospedale. Questa è la conferma della leadership europea dell’Ospedale del Cuore nel campo delle tecniche mini-invasive e ibride applicate alla cardiologia e alla cardiochirurgia. Proprio grazie all’approccio multidisciplinare, la Monasterio contribuisce a far avanzare tali tecniche per garantire al paziente la miglior risposta di cura, riducendo il rischio e l’invasività delle procedure, consentendo a tutti i pazienti di poter ricevere una ulteriore chance".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il terribile incidente è avvenuto tra un'auto e una bicicletta. I medici hanno tentato di rianimare la donna ma per lei non c'è stato niente da fare
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

CORONAVIRUS