Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:35 METEO:FIRENZE11°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
sabato 03 dicembre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Nubifragio nel Messinese, strade allagate e persone intrappolate nelle auto

Cronaca lunedì 15 marzo 2021 ore 09:20

Bancarotta e riciclaggio poi scattano i sequestri

finanzieri al computer

Il provvedimento è stato eseguito dalla Finanza. Il marito sottraeva fondi aziendali, la moglie vedeva lievitare il conto corrente e reinvestiva



MASSA — Il marito dirottava sui conti correnti di famiglia i soldi dell'azienda, la moglie vedendo lievitare il patrimonio investiva e spendeva a più non posso: per questi motivi, con l'ipotesi di bancarotta fraudolenta lui e per riciclaggio lei, i finanzieri del gruppo di Massa Carrara su delega della procura di Massa hanno eseguito un provvedimento di sequestro nei confronti della donna. Lei è appunto indagata per riciclaggio per avere reinvestito somme di denaro derivanti dalla bancarotta fraudolenta di cui si era reso responsabile il marito.

Le indagini sul fallimento, spiega la nota delle Fiamme Gialle, hanno permesso di individuare una serie di reati commessi dall’amministratore della società. Negli anni, l'uomo avrebbe distratto disponibilità finanziare alterando la contabilità per celare gli ammanchi e non far emergere le ingenti perdite subite. Il soggetto, delegato ad operare con le banche nella sua qualità di amministratore, avrebbe sottratto dai conti correnti aziendali complessivamente 565.000 euro, facendoli confluire parte nei suoi conti correnti personali e parte in quelli della moglie. E lei, nel tempo, aveva visto accumularsi sui propri conti una somma di quasi 445.000 euro. Quindi ha proceduto a investire in finanziamenti di un certo valore, oltre a prelevarne una parte in contanti per finalità personali. 

L’attività eseguita dalle Fiamme Gialle massesi ha portato alla denuncia del marito per bancarotta fraudolenta e della moglie per riciclaggio dei proventi derivanti dai reati ascritti al coniuge, mentre il pubblico ministero titolare delle indagini ha richiesto al giudice per le indagini preliminari presso il tribunale di Massa di emettere un decreto di sequestro preventivo finalizzato a cautelare i beni della consorte. L’esecuzione del provvedimento da parte dei militari del gruppo di Massa Carrara ha, pertanto, portato al sequestro di provviste attive giacenti su due conti correnti intestati alla donna per un importo di circa 445.000 euro. Inoltre, è stato sottoposto a sequestro un escavatore di proprietà della fallita, che non era stato rinvenuto all’atto della ricognizione dei beni fatta dal curatore fallimentare.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno