comscore
Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:20 METEO:FIRENZE6°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
domenica 17 gennaio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Calenda telefona in diretta, Mastella si alza e se ne va: lo scontro in diretta da Lucia Annunziata

Attualità mercoledì 02 settembre 2020 ore 09:56

E' morto lo storico dell'arte Philippe Daverio

Philippe Daverio

Raccontò la Toscana e Firenze anche nei suoi video di divulgazione della storia dell'arte. Ospite in eventi culturali tra Firenze, Siena e la Maremma



MILANO — Si è spento all'età di 71 anni lo storico dell'arte Philippe Daverio. Spesso al centro dei suoi video sull'arte anche la Toscana e Firenze. Una terra la Toscana che il noto critico d'arte amava e che spesso aveva visitato anche per girare lo storico programma Rai Passepartout.

Docente e saggista, ex assessore alla Cultura del Comune di Milano, aveva 70 anni, è morto per una grave malattia. 

E' stato ospite a Firenze durante l'edizione di Tourisma del 2019. Molti i video dedicati a Firenze anche nella sua rubrica all'interno di Striscia la Notizia con la Loggia dei Lanzi e Orsanmichele.

Nato il 17 ottobre 1949 a Mulhouse, in Alsazia, Philippe Daverio iniziò la carriera come mercante d'arte. Dal 1993 al 1997 è stato assessore alla Cultura del Comune di Milano.

Daverio si è sempre definito uno storico dell'arte e in questa veste lo scopre il pubblico televisivo di Rai3: nel 1999 in qualità di 'inviato speciale' della trasmissione "Art'è", nel 2000 come conduttore di "Art.tù", poi autore e conduttore di "Passepartout".

Docente di storia dell'arte allo Iulm di Milano ha tenuto corsi di storia del design al Politecnico di Milano. Dal 2006 era professore ordinario di sociologia dei processi artistici alla Facoltà di Architettura (dipartimento Design) dell'Università degli Studi di Palermo.



Tag
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

CORONAVIRUS

Attualità

L'EDITORIALE