Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 12:43 METEO:FIRENZE18°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
sabato 27 febbraio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Pompei, ritrovato un carro nuziale, artefatto incredibile e unico nel suo genere

Attualità mercoledì 01 marzo 2017 ore 16:05

"Campagne elettorali, nessun sostegno di Romeo"

L'ha detto l'assessore Bugli dopo la verifica delle dichiarazioni presentate dal governatore Rossi e dalla giunta su istanza del consigliere Donzelli



FIRENZE — L'imprenditore campano Alfredo Romeo, arrestato oggi per corruzione, non risulta fra i finanziatori delle campagne elettorali del governatore Enrico Rossi o degli altri tre membri della giunta regionale eletti nel 2015: Stefania Saccardi, Federica Fratoni e Vincenzo Ceccarelli. Questo sulle base delle dichiarazioni presentate dai diretti interessati all'anagrafe pubblica, controllate dall'assessore regionale Vittorio Bugli per rispondere a un'interrogazione del consigliere di Fratelli d'Italia Giovanni Donzelli.

Alfredo Romeo è finito in carcere con l'accusa di corruzione nell'ambito dell'inchiesta sugli appalti della Consip, la centrale di spesa della pubblica amministrazione. Nella stessa inchiesta sono indagati a vario titolo anche il ministro Luca Lotti, il padre di Matteo Renzi Tiziano, l'amico di famiglia dei Renzi Carlo Russo (imprenditore farmaceutico), i generali dei carabinieri Tullio Del Sette ed Emanuele Saltalamacchia e l'ex deputato di An Italo Bocchino in veste di consulente di Romeo (vedi articoli collegati).

“Nelle dichiarazioni presentate all'anagrafe pubblica sia dal presidente Rossi che dagli assessori Saccardi, Ceccarelli e Fratoni - ha risposto Bugli - non risultano fatture saldate da Alfredo Romeo. Tutta la documentazione è conservata e consultabile secondo le prerogative riconosciute ai consiglieri regionali”. 

Nell’interrogazione, Donzelli faceva riferimento anche alla posizione assunta da Stefania Saccardi nel 2013 ai tempi in cui era assessore comunale a Firenze nei confronti della FarExpress, azienda di consegna di farmaci a domicilio riconducibile all'imprenditore indagato Carlo Russo. "Saccardi dette a suo tempo pieno appoggio alla FarExpress - ha ricordato Donzelli - presentandola a Palazzo Vecchio il 14 giugno 2013".

Bugli ha risposto che, all'epoca, "non ci sono stati impegni a carico del Comune nei confronti della FarExpress e che l'assessore si limitò a presentare accordi sottoscritti da altri”.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità