Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:30 METEO:FIRENZE11°14°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
venerdì 09 dicembre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Imponente frana sulla Lecco-Ballabio, colpita un'auto e bloccata una galleria. Non ci sono feriti

Attualità venerdì 13 febbraio 2015 ore 16:59

Nuovi incentivi per chi fa impresa

La Regione ha stanziato quasi 3 milioni per gli imprenditori interessati ad ampliare la loro attività in Toscana, specie nelle aree di crisi complessa



FIRENZE — Nel giorno in cui l'unione europea ha dato il via libera al Por Fesr, ovvero i fondi europei destinati allo sviluppo industriale delle regioni - in Toscana arriveranno 653 milioni di cui l'80% sarà riservato alle PMI - l'assessore al lavoro Gianfranco Simoncini ha presentato una nuova misura a favore dell'occupazione e degli investimenti industriali.

A partire dal 2 marzo e poi, di nuovo, con cadenza quadrimestrale, dal 30 giugno e dal 31 ottobre 2015 e dal 28 febbraio 2016, le imprese interessate a investire in Toscana o ad ampliare la proprie attività potranno richiedere un contributo in conto capitale a fondo perduto alla Regione per progetti fino a 10 milioni di euro. Per ora sono stati stanziati 2 milioni e 930 mila euro ma con l'arrivo dei fondi europei nel corso dell'anno il budget salirà.

Tre le tipologie di investimento sostenibili. 
Prima tipologia: investimenti in nuove unità locali; investimenti in unità locali già presenti sul territorio regionale; investimenti di ammodernamento o creazione di infrastrutture di ricerca private.

Seconda tipologia: investimenti nell'ambito di programmi di reindustrializzazione in aree di crisi complessa riconosciuta dallo Stato o dalla Regione, come ad esempio Piombino, Livorno o Massa Carrara. In particolare per Piombino sono stati stanziati 32, 2 milioni di euro di risorse regionali per il piano di riconversione (cui si aggiungono altri 20 milioni di risorse nazionali); per Livorno la Regione ha stanziato oltre 10 milioni per reindustrializzazione. Per l'area di Massa Carrara, ricordiamo i 5 milioni già stanziati per il recupero dell'area ex Eaton. Già da ora e per tutte le tre aree sono previsti criteri di premialita' nelle graduatorie o graduatorie ad hoc nei bandi.

Terza tipologia: investimenti di imprese toscane la cui base societaria sia costituita almeno per il 70% da ex dipendenti di aziende in crisi che hanno usufruito di incentivi regionali. L'investimento dovrà essere realizzato entro 24 mesi dalla data della firma del contratto.

Negli anni scorsi la Regione ha finanziato con 12 milioni 7 progetti per un totale di 56 milioni di euro di investimenti privati.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Simoncini su protocolli d'insediamento - Video
Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno