Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 07:00 METEO:FIRENZE10°21°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
domenica 17 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Tensione al corteo no Green pass di Milano, la protesta non si ferma e partono le cariche della polizia

Cronaca lunedì 27 settembre 2021 ore 19:05

Omicidio di Chiara, il presunto assassino si è impiccato

Chiara Ugolini - foto Facebook
Chiara Ugolini - foto Facebook

Si è suicidato in carcere l'uomo di 38 anni accusato di aver ucciso Chiara Ugolini, 27 anni, sua vicina di casa. Era stato bloccato a Firenze



VERONA — Lo hanno ritrovato le guardie carcerarie questa mattina, intorno alle 5.30: Emanuele Impellizzeri, 38 anni, detenuto nel carcere di Verona con l'accusa di aver ucciso la giovane vicina di casa Chiara Ugolini, 27 anni, con violenza efferata, si è tolto la vita la notte scorsa impiccandosi in cella.

Lo ha reso noto il segretario del sindacato Uilpa, Gennarino De Fazio.

Impellizzeri avrebbe dovuto affrontare stamattina un interrogatorio.

L'omicidio di Chiara Ugolini risale a domenica 5 Settembre: il corpo senza vita della ragazza fu ritrovato dal fidanzato verso le 19, nell'abitazione della coppia a Calmasino di Bardolino, riverso a terra, con uno straccio imbevuto di candeggina in bocca. Impellizzeri, residente nella stessa palazzina, fu fermato alcune ore dopo il ritrovamento del cadavere mentre fuggiva a bordo della sua moto lungo la A1. La polizia stradale lo bloccò all'altezza dell'uscita di Firenze Impruneta e rilevò che aveva il volto e il collo segnato da graffi che, secondo l'ipotesi degli inquirenti, Chiara gli avrebbe inferto nel disperato tentativo di difendersi (vedi qui sotto gli articoli collegati).

Dopo il fermo, Impellizzeri avrebbe ammesso subito con le forze dell'ordine di essersi introdotto nell'abitazione dei due giovani e di essere stato sorpreso dalla ragazza ma avrebbe negato di averla aggredita, affermando di averle dato solo una spinta e poi di essere fuggito. Durante gli interrogatori successivi, Impellizzeri si è invece avvalso della facoltà di non rispondere.

Il 38enne era di origine catanese, aveva precedenti penali alle spalle ed era stato trasferito da poco nel carcere veronese di Montorio dopo aver trascorso alcune settimane nella casa di pena di Sollicciano, a Firenze.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Un'altra morte sul lavoro in Toscana, la 28ma del 2021. Si tratta di un operaio di una ditta di materiali edili. Rimasta ferita anche un'altra persona
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Don Andrea Pio Cristiani

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

CORONAVIRUS

Cronaca